Accedi oppure registrati

Ambiente » Le professioni verdi che muoveranno l'economia

Le professioni verdi che muoveranno l'economia

Condividi Segnala a un amico 11 December 2009

Tag:

Il fenomeno del Green jobs sbarca in Italia. Dopo aver conquistato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, la coscienza ecologista fa il suo ingresso in Europa e diventa la medicina per guarire dall’impasse economica globale. Salvaguardia dell’ambiente e nascita di nuove figure professionali sono solo due dei vantaggi che nascono dal lavoro verde. E proprio di lavoro verde parla “Guida ai Green Jobs. Come l’ambiente sta cambiando il mondo del lavoro”: una pratica guida, realizzata da Marco Gisotti e Tessa Gelisio, che raccoglie le interviste ai guru del settore e presenta nel dettaglio 100 schede sui lavori verdi che esistono ed esisteranno nei prossimi anni in Italia. Profili tradizionali riqualificati in chiave eco o nuove professioni nate da una richiesta sempre crescente di salvaguardia dell’ambiente: si va dall’avvocato ambientale all’agricoltore bio, dall’energy manager all’ecoparrucchiere; dall’ecochef all’ecoblogger. Questo ritorno alla terra viene supportato anche da alcune ricerche degli ultimi anni: una di queste è quella diffusa dalla Fast Company, azienda americana specializzata nel monitorare le tendenze economiche e sociali e nell’individuare i settori più promettenti del mercato, che ha segnalato la top ten delle professioni nei prossimi anni. Stupisce scoprire che le dieci voci dell’elenco richiamano tutte attività cartterizzate da una forte ricaduta ambientale. Al primo posto si trova il settore produttivo più antico della storia dell’umanità: l’agricoltura. In effetti, l’età media dei farmers americani è prossima alla pensione: un fattore che richiede l’introduzione di una nuova generazione di imprenditori agricoli. Il libro pubblicato da Edizioni Ambiente è una panoramica completa sui lavori verdi, un manuale di “sopravvivenza” in un mondo lavorativo dipinto di verde: all’interno, tutte le informazioni sui percorsi formativi, sulle opportunità occupazionali e sulle nuove prospettive di sviluppo di quella che da molti è considerata come la prossima rivoluzione industriale.