Accedi oppure registrati

Ambiente » RAEE, il vuoto a rendere dell'elettronica

RAEE, il vuoto a rendere dell'elettronica

Condividi Segnala a un amico 03 June 2010
Il 18 giugno entrerà in vigore il decreto per il ritiro dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) da parte degli stessi negozi che vendono il prodotto, un sistema simile al vecchio vuoto a rendere delle latterie negli anni 70.
I negozianti (anche per le vendite online) sono perciò obbligati a provvedere al ritiro dei rifiuti senza alcun onere da parte dei clienti e sono tenuti a informare di questa possibilità gratuita i clienti. Toccherà poi ai distributori provvedere a un corretto stoccaggio e smaltimento degli apparecchi.
Il decreto 65/2010 attuativo del RAEE è noto come decreto “uno contro uno”, in quanto i negozianti sono obbligati a ritirare l’elettrodomestico che il prodotto venduto andrà a sostituire e chiarisce quali sono gli obblighi in cui incorre il distributore. In particolare merita una segnalazione l’obbligo di trasporto nei centri di raccolta con cadenza mensile e comunque ogni volta che si siano raccolti più di 3.500 kg di rifiuti elettrici. Per aiutare le imprese nell’adempimento di questi obblighi è stato istituito il Centro di Coordinamento Raee sul cui sito si possono trovare numerose informazioni utili.