Accedi oppure registrati

Analisi » Promojardin presenta il mercato francese nel 2008

Promojardin presenta il mercato francese nel 2008

Condividi Segnala a un amico 29 July 2009
Il 17 giugno, durante l'Assemblea annuale di Promojardin a Parigi, è stata presentata la nuova analisi 2008 sull'andamento dei mercati transalpini del giardinaggio, del pet e delle piscine. Noi c'eravamo e possiamo anticiparvi i primi dati.

L’OUTDOOR IN FRANCIA

Il mercato francese del giardinaggio ha sviluppato nel 2008 un giro d'affari di 6,127 miliardi di euro, con un incremento dello 0,3%. Un risultato giudicato non soddisfacente a causa delle avverse condizioni atmosferiche e alla crisi dei consumi dell'ultimo bimestre. Per avere un paragone basta ricordare che la crescita media annua degli ultimi cinque anni è dell'8,4% e degli ultimi dieci anni del 19%.
La dimensione del mercato non deve stupire. Il 90% delle case francesi ha uno spazio in cui fare giardinaggio: il 59% ha un giardino vero e proprio, il 47% una terrazza, il 32% un balcone e il 50% un davanzale adibito alla coltivazione dei fiori.
I settori che sono cresciuti di più nel 2008 sono le piante da esterno (+2,5% sul 2007), i prodotti di consumo (+2,5%, come sementi, concimi, ecc.) e le recinzioni in legno e plastica (+2,2%).
Sui cinque anni cresce la motocoltura (+21,7%), i beni di consumo (+15,8%) e l'arredo giardino e barbecue (+9,4%). Da segnalare invece il forte calo di vendite di vasi: -7,2% sui cinque anni e -1,5% nel 2008).
I canali distributivi che stanno contribuendo maggiormente a questa crescita sono la GDS (+17,7% nei cinque anni e +1,2% nel 2008), le agrarie o lisa (libero servizio agricolo) come le chiamano i francesi (+16,7% e +5,1%) e i garden center (+11,3% nei cinque anni e +2,7% nel 2008). Anche i motoristi sono in grande crescita sui cinque anni (+12,8%) ma nel 2008, a causa della loro specializzazione, hanno risentito maggiormente della crisi (-0,1%).
Perdono invece quote i fioristi (-6,5% sui cinque anni e -2,4% nel 2008) e le vendite per corrispondenza (-3,5% sui cinque anni e +0,3% nel 2008).

IL PET FRANCESE CRESCE, NONOSTANTE LA CRISI

In Francia il 49% delle famiglie possiede almeno un animale domestico e il mercato del pet è cresciuto del 3,7% nel 2008, con un giro d'affari di 3,476 miliardi di euro. Un tasso di crescita inferiore a quello degli ultimi cinque anni: 11,3%.
Il 48% delle vendite riguarda il cane (per 1,662 miliardi di euro), seguito da gatti (37% e 1,297 mrd di euro) e acquariofilia (5% e 184 milioni di euro).
L'analisi dei tassi di crescita negli ultimi cinque anni premia i piccoli mammiferi (+17,5%), i gatti (+16,9%) e i giardini acquatici (+11,8%).
Il 55% delle vendite viene sviluppato dalla GDO alimentare (super e iper), seguita a distanza dai garden center (11%).
Da segnalare la crescita nell'ultimo quinquennio delle agrarie (+26,1%) e delle catene specializzate nel pet (+24,7%).

CROLLA IL MERCATO FRANCESE DELLE PISCINE

Il mercato delle piscine risulta in decisa flessione: -11% nel 2008, attenuato da un +2% medio negli ultimi cinque anni.
Secondo l'indagine Fpp, in Francia c'è un parco installato di 1.346.000 piscine, di cui 843.000 interrate e 503.000 fuori terra.
Nel 2008 sono state vendute 98.000 piscine, di cui 42.000 interrate e 56.000 fuori terra. Il giro d'affari complessivo del settore è stato di 636 milioni di euro
Il canale distributivo leader sono le catene specializzate nelle piscine (31% del mercato) e i centri specializzati indipendenti (21%). I garden center veicolano solo il 2% delle vendite e sono in calo del 14% nel 2008 e del 20% negli ultimi cinque anni. Diversa la situazione dei centri bricolage, che perdono il 13% nel 2008 ma hanno una crescita media annua del 10% nell'ultimo quinquennio.