Accedi oppure registrati

Analisi » Monitoraggio della grande distribuzione: cala il brico, cresce il garden!

Monitoraggio della grande distribuzione: cala il brico, cresce il garden!

Condividi Segnala a un amico 07 October 2014
Nel primo semestre 2014 la rete dei punti vendita dei 26 gruppi distributivi specializzati nel bricolage e nel giardinaggio è rimasta sostanzialmente immutata, con 1.047 store attivi contro i 1.053 di fine 2013. Osservando nello specifico i due core business analizzati, possiamo evidenziare una tendenza negativa per i centri bricolage (689 contro i 709 del 1° sem 2013) e una positiva per i centri giardinaggio (358 contro i 232 del 1° sem 2013).
Analizzando l’evoluzione dal 2010 ad oggi si nota infatti come il numero dei centri bricolage sia in diminuzione: dopo aver raggiunto il tetto di 735 negozi nel 2011 sono scesi progressivamente fino ai 689 attuali. Al contrario i garden center e gli agri center sono cresciuti progressivamente dai 153 negozi del 2010 ai 358 attuali.
Ciò nonostante, i centri bricolage rappresentano la maggior parte dall’universo analizzato: alle insegne diy fanno capo infatti il 65% dei punti vendita e l’84% delle superfici espositive.
Questi anni di crisi e di contrazione dei consumi hanno indotto molti gruppi a rivedere le voci di spesa e ridimensionare la rete: privilegiando i punti vendita capaci di stare sul territorio e investendo maggiormente nei restyling dei negozi esistenti anziché in nuove aperture. Senza dimenticare poi che quasi tutte le insegne del bricolage hanno aperto (o ci stanno lavorando) dei negozi virtuali online.

 
I fatti del semestre

Non possiamo non partire da Bricoman, una catena per cui la crisi sembra non esistere: in questi anni è in costante crescita e a giugno ha aperto il suo 11esimo negozio a Bologna. Altre novità in arrivo, visto che nella bacheca annunci sul suo sito cerca candidature per le prossime aperture di Segrate (MI), Dalmine (BG) e Genova.
In questa classifica non è citato, ma il 28 giugno ha aperto a Olbia il primo punto vendita Ottimax, insegna nata nel 2013 dalla partnership tra Bricofere Megawatt. Un negozio di 11.000 mq che si rivolge ai privati ma soprattutto ai piccoli e medi installatori e al mondo professionale.
Interessante il lavoro di riqualificazione del concept di Brico Io, che ha portato all’inaugurazione del negozio di Novara, con un nuovo logo e una nuova brand identity.
Non possiamo dimenticare l’inaugurazione del decimo punto vendita Cfadda, gruppo affiliato a Bricolife, avvenuta il 15 maggio a Senorbì (CA).
Il 7 giugno Bricofer ha aperto il suo ventesimo negozio a gestione diretta a Pesaro: un grande store di 5.000 mq che consolida la presenza nelle Marche del gruppo romano.
Dopo due anni, Selfha inaugurato un nuovo punto vendita il 5 marzo a Banchette, in provincia di Torino. Un megastore di 5.000 mq con ampi spazi dedicati al giardinaggio e ai prodotti per la famiglia: un negozio più “compatto” rispetto ad altri Self ma capace di offrire tutti gli articoli necessari.
Anche Fdt Group è cresciuta in questi primi sei mesi del 2014, con ben 3 nuove affiliazioni a gennaio a Polistena (RC), Oristano (OR) e Ghilarza (OR).
Infine precisiamo che nelle nostre classifiche (aggiornate al 30 giugno 2014) compare ancora Botanic, che nello scorso agosto è uscita dal mercato italiano, cedendo 3 punti vendita a Viridea(Montebello della Battaglia) e Fasoli Piante (Vercelli e Vigliano Biellese), entrambi del gruppo Garden Team.
 
LA METODOLOGIA DELL’INDAGINE
Per fotografare il commercio organizzato specializzato nel bricolage e nel giardinaggio operante in Italia, abbiamo selezionato le insegne della GDS (Grande Distribuzione Specializzata) e i Gruppi d'Acquisto (Consorzi).
Le superfici espositive indicate sono relative alle aree coperte destinate alla vendita: sono quindi esclusi i parcheggi, gli uffici e i magazzini.
Per punto vendita "diretto" intendiamo i negozi di proprietà del gruppo distributivo; per "affiliato" intendiamo i negozi di proprietà di imprenditori privati, che aderiscono a formule di associazionismo distributivo, come il franchising e l’affiliazione a gruppi d’acquisto e consorzi.
Tutti i dati sono forniti dalle stesse insegne ed elaborati dall'autore, che conduce ininterrottamente questo Monitoraggio semestrale dal 1988. Le rare stime dell'autore sono sempre precisate nei grafici.
Per ulteriori informazioni potete scrivere a greenline@netcollins.com.