Accedi oppure registrati

Analisi » Il mercato spagnolo del DIY

Il mercato spagnolo del DIY

Condividi Segnala a un amico 20 July 2016

Tag:

Il pomeriggio del 10 maggio, a Milano, nel corso della dodicesima edizione di Buyer Point, abbiamo organizzato il convegno dal titolo “DIY: obiettivo export”. Il Paese le cui dinamiche di mercato sono state analizzate maggiormente è stato la Spagna, grazie alla presenza, tra i relatori, di Fernando Colorado e Cesar Navarro, rispettivamente Direttore di ADFB (Associazione spagnola distributori DIY) e Presidente di AFEB (Associazione spagnola produttori DIY).


 

ADFB (Associazione spagnola dei distributori DIY)

ADFB è l’associazione principale dei retailer in Spagna per DIY, nata nel 2006 e che a oggi rappresenta l’85% del fatturato totale nel DIY e il 30% di tutti i negozi di DIY. ADFB funziona in 3 aree principali: networking, comunicazione e lobby.
Al suo interno sono rappresentati tre diversi canali di retail: il moderno (Leroy Merlin, Bricoking, ATB, CMB, AKÍ…), il professionista (Plataforma de la Construcción, Bigmat, Bricomart…) e la Ferramenta (Ortiz, Comafe, Cadena 88…)
Secondo i dati forniti dall’associazione, ogni famiglia ha una spesa media di prodotti di fai da te che varia dai 150 ai 250€ all’anno, per un fatturato totale di 12-13 miliardi di euro (la quota di GD è di 3-3,5 miliardi).





 

AFEB (Associazione spagnola dei produttori DIY)

AFEB è l’associazione di produttori di Fai Da Te e Ferramenta della penisola ibérica. L’associazione nasce nel 2004 con la missione di potenziare le aziende produttrici e il mercato del Fai Da Te e Ferramenta in collaborazione permanente con la distribuzione e altri players del settore. A oggi conta 82 aziende associate, che comprendono i principali marchi delle diverse categorie del nostro mercato, con una cifra d’affari superiore a 2 miliardi di euro e oltre 10.000 posti di lavoro.
L’associazione ha avuto una crescita costante specialmente negli ultimi 5 anni, nonostante la crisi economica, e l’obiettivo è raggiungere i 100 soci entro il 2018.