Accedi oppure registrati

Analisi » Il DIY in Romania nell’ultimo biennio

Il DIY in Romania nell’ultimo biennio

Condividi Segnala a un amico 20 February 2018

Tag:

In questi ultimi anni stiamo seguendo con sempre maggiore interesse il mercato rumeno del DIY. Un mercato in continua evoluzione, che è stato protagonista nelle ultime edizioni di Buyer Point e che lo sarà anche nella prossima (Milano, 8-9 maggio 2018) grazie alla presenza di una ricca delegazione di buyer delle principali insegne. Il portale rumeno BricoRetail.ro, partner del nostro Gruppo Editoriale Collins, ha analizzato l’ultimo biennio del comparto DIY in Romania: ecco che cosa è emerso.

Il biennio 2016-2017 ha rappresentato un momento di consolidamento e di crescita per il mercato rumeno. In particolare, il 2016 si è caratterizzato per l’assenza di acquisizioni o di uscite, con la conferma di Dedeman come leader indiscusso in termini di fatturato.
Il settore DIY ha beneficiato di una migliore performance generale dell’economia del Paese, con un aumento generale del potere d’acquisto dei consumatori. Stiamo parlando di un mercato in cui i sei principali player (il già citato Dedeman e a seguire Arabesque, Leroy Merlin, Brico Depot, Hornbach e Praktiker) rappresentano circa il 50% del valore totale del mercato del Paese: il resto è composto da negozi tradizionali, e-commerce e rivenditori non specializzati, che però vendono anche prodotti brico.
Negli anni passati, il mercato DIY rumeno era dominato dalle insegne locali: Dedeman, Arabesque e Ambient. Nel frattempo, come detto, Dedeman è rimasto il leader, mentre Arabesque ha mantenuto il secondo posto fi no al 2016. Intanto, Ambient ha incontrato sempre maggiori diffi coltà economiche e nel 2015 ha dichiarato uffi cialmente insolvenza: da allora l’azienda è in continuo declino.

Un mercato che vale quasi 5 miliardi di euro

Nonostante la crescita degli ultimi tempi, il mercato ha ancora un valore ridotto, stimato tra i 4,8 e i 5 miliardi di euro. Il totale della vendita al dettaglio ha fatto registrare nel 2016 un fatturato di 2,3 miliardi di euro (+30% circa rispetto al valore di 1,8 miliardi dell’anno precedente).

Ecco l’elenco dei principali retailer con numero di negozi e fatturato:
- Dedeman: 48 negozi e 1.170,5 milioni di euro di fatturato.
- Leroy Merlin: 16 negozi e 380,8 milioni di euro di fatturato.
- Arabesque: 18 magazzini (+ 2 negozi) e 352,9 milioni di euro di fatturato.
- Brico Depot: 15 negozi e 146,3 milioni di euro di fatturato.
- Hornbach: 6 negozi e 141,8 milioni di euro di fatturato.
- Praktiker: 26 negozi e 139,8 milioni di euro di fatturato.
- Ambient: 14 negozi e 30,2 milioni di euro di fatturato.

Il 2017 del DIY rumeno

In conseguenza di un buon clima economico, oltre a una crescita del mercato delle costruzioni (stimata del 10%), il mercato del DIY avrà un aumento stimato tra il 5% e il 10% nel 2017. Dedeman ha continuato l’espansione della sua rete in Romania e ha aperto nel 2017 quattro nuovi negozi, raggiungendo un totale di 48 unità in Romania. Leroy Merlin ha aperto un punto vendita e al momento ne gestisce 16 in tutta
la nazione (sono previste altre 4 aperture nel prossimo biennio). “Raggiungeremo i 500 milioni di euro di fatturato nel 2018”, ha affermato Frédéric Lamy, General Manager Leroy Merlin Romania. Brico Depot espanderà la rete in Romania dopo che nel 2017 Kingfi sher ha rilevato Praktiker Romania con 27 negozi: il gruppo inglese sceglierà di introdurre un nuovo marchio con un altro formato? Già si parla di Castorama…
Hornbach Romania ha appena festeggiato 10 anni di presenza sul mercato rumeno. La Romania è uno dei mercati più importanti per l’azienda tedesca ed è anche il quinto Paese dell’intero Gruppo Hornbach in termini di superfi cie totale di vendita (86.600 metri quadrati), dopo Germania, Austria, Paesi Bassi e Repubblica Ceca. Hornbach Romania lancerà l’e-commerce nella prima metà del 2018, con oltre 120.000 prodotti disponibili e consegne in tutto il Paese, non solo nelle aree in cui il rivenditore è presente fi sicamente con i negozi.

DEDEMAN
Dedeman rimane il più forte rivenditore di fai da te in Romania, con una crescita signifi cativa del 20% nel 2016 sul 2015 (con un fatturato di circa 1,2 miliardi di euro, la metà dell’intera quota della GDS), 48 negozi, un’area di vendita tra 7.000 e 18.000 metri quadrati e oltre 45.000 referenze disponibili.

ARABESQUE
La rumena Arabesque è stata la seconda azienda nel mercato rumeno del fai da te fi no al 2016, quando Leroy Merlin ha preso il suo posto ed è diventato il secondo player in termini di fatturato, dopo aver terminato il processo di rebranding degli ormai ex negozi bauMax, acquisiti nel 2014, e grazie a nuove aperture. Arabesque, il più grande player nel mercato B2B in Romania, dove è il più grande distributore di materiali e fi niture per l’edilizia, possiede 18 magazzini e due punti vendita al dettaglio (con il marchio Arabesque Retail). Con una crescita nel 2016 dell’1,32%, l’azienda ha raggiunto un fatturato totale di oltre 350 milioni di euro. Arabesque (che possiede anche il franchising Mr Bricolage in Romania, attualmente presente con un solo negozio), è una delle poche aziende rumene che ha ampliato la propria attività oltre confine, sviluppando punti vendita in Ucraina, Bulgaria e Moldavia.

LEROY MERLIN
Inaspettatamente, Leroy Merlin è diventato, a partire dal 2016, il secondo player nel retail rumeno con un’incredibile crescita di fatturato del 455%, arrivando alla cifra di 380 milioni di euro, grazie ai 7 nuovi negozi aggiunti alla rete (ex bauMax rebrandizzati, oltre a nuove aperture) nello stesso anno e al miglioramento degli affari.

BRICO DEPOT
Brico Depot, insegna del gruppo britannico Kingfisher, ha registrato un 2016 stabile dopo aver terminato il rebranding degli ex negozi Bricostore nel 2015, senza l’inserimento di nuove aperture e un aumento del 7% del fatturato da 136,8 milioni nel 2015 a 146,3 milioni di euro l’anno successivo. La situazione di stabilità è durata poco, perché quest’anno Kingfisher ha appena rilevato anche la rete Praktiker, con 27 negozi, il più antico e il più noto rivenditore DIY in Romania. Brico Depot ha attualmente 15 negozi, tutti ex Bricostore.

HORNBACH
Hornbach è il rivenditore di fai da te con l’andamento più costante della Romania, in termini di apertura di punti vendita, nonostante il basso numero di negozi gestiti sul mercato (6), ma soprattutto in termini di crescita del fatturato. Hornbach ha registrato una crescita importante del 16,2% nel 2016 rispetto al 2015, raggiungendo un totale di 142 milioni di euro. Anche se Hornbach ha solo 6 negozi (ma dalla superficie molto ampia) raggiunge quasi lo stesso fatturato di Brico Depot con 15 negozi o Praktiker con 27 negozi, a testimonianza del fatto che i negozi di Hornbach sono davvero molto performanti.

PRAKTIKER
Praktiker Romania ha incrementato le vendite di oltre il 2% rispetto al 2015 e ha raggiunto i 137 milioni di euro nel 2016, grazie ai processi di modernizzazione avviati e al progetto di e-commerce.