Accedi oppure registrati

Interviste » Framar: il made in Italy che spicca il volo

Framar: il made in Italy che spicca il volo

Condividi Segnala a un amico 23 September 2011
A settembre dello scorso anno Gimi dà notizia dell'acquisizione della piemontese Framar. Completato il processo di integrazione, abbiamo chiesto al responsabile del brand Ilaria Beggi quali saranno le notivà dell'elefantino alato.

A meno di un anno dall'operazione, possiamo ben dire: integrazione completata. Tra Monselice (PD) e Mombello Monferrato (AL) è un nato vero polo italiano dei prodotti funzionali per la casa, ormai operativo su tutti i mercati. Perchè Gimi, leader per la produzione di stendibiancheria, assi da stiro e carrelli portaspesa, con l'acquisizione di Framar rafforza la propria posizione negli assi da stiro (categoria in cui condivideva la leadership proprio con Framar), nelle scale domestiche e negli sgabelli, comparti, questi ultimi due, in cui fino ad oggi era presente solo marginalmente.
L'operazione, che aveva come obiettivo l'integrazione dei due brand per consolidare ulteriormente la posizione nel mercato domestico, rientra perfettamente nel programma di sviluppo degli azionisti Aksia e Alcedo. Sono i due fondi di investimento che dal 2008 hanno dato vita a un nuovo assetto in Gimi e che condividono con i fondatori della società e con il nuovo management l’obiettivo di creare un polo italiano in grado di eccellere a livello europeo. Come dichiarato fin dall'inizio, infatti, “L’operazione punta allo sviluppo e non prevede nessun impatto sull’occupazione”.
In particolare, la specializzazione produttiva della piemontese Framar in assi da stiro e scale a uso domestico consentirà di gestire in modo ottimale tutto il processo di innovazione e progettazione, garantendo il miglior servizio e la massima qualità in un’ottica di espansione internazionale, a partire dagli oltre 65 Paesi in cui Gimi è già presente.
Il gruppo così creato (circa 300 dipendenti e una stima di 87 milioni di fatturato per l’anno in corso) può e potrà ancora beneficiare delle sinergie necessarie per rafforzare ulteriormente il trend di crescita sia in Italia sia sui mercati esteri.

In qualità di responsabile marketing del brand Framar, abbiamo rivolto un paio di domande a Ilaria Beggi:, per capire le direttrici di sviluppo del rinnovato brand alato.

Mondo Pratico: Su quali aspetti si focalizza il rilancio del brand Framar?
Ilaria Beggi: Direi su tre grandi temi. In primis, il patrimonio di esperienza e know how che Framar, azienda storica del settore scale e assi da stiro, ha accumulato in quasi 50 anni di successo: un rilancio istituzionale, centrato sul made in Italy e sull’identità del brand, riassunta nel celebre marchio dell’elefantino alato ideato da Armando Testa. Proprio questo marchio, noto e apprezzato, è l’oggetto di una campagna pubblicitaria rivolta al trade, principale interlocutore per il brand Framar.
Il secondo tema è l’innovazione, punto cardine nello sviluppo del business. Come si sa, lanciare nuovi prodotti è un processo che richiede tempo ed energia ed è il fronte sul quale ci stiamo impegnando più intensamente, lavorando a stretto contatto con il reparto Ricerca & Sviluppo, all’avanguardia nella conoscenza e sperimentazione di nuovi materiali e tecnologie produttive.
Infine, gli investimenti nella produzione per migliorare la qualità e l’efficienza nonché un progetto per l’applicazione di pannelli fotovoltaici sul tetto, in linea con la nostra filosofia del rispetto per l’ambiente e risparmio energetico.


Mondo Pratico: Quando vedremo i nuovi prodotti?
Ilaria Beggi: Le principali novità saranno pronte per l’inizio del prossimo anno e da quel momento saranno in distribuzione dai nostri principali clienti.
Al momento stiamo concentrando le nostre attività su quelli che sono i best seller dell'azienda, che da mezzo secolo produce in Piemonte, forte di tecnologie e brevetti sempre all'avanguardia, una gamma di scale e di sgabelli molto apprezzate in Italia e in Europa.


Mondo Pratico: Come si integrano i due brand?
Ilaria Beggi: L’acquisizione di Framar consente di integrare perfettamente i due portafogli prodotto, creando una gamma che si completa reciprocamente. A questo proposito Framar rafforza la leadership del gruppo Gimi nei settori degli stendibiancheria, assi da stiro, carrelli, scale e sgabelli.

Ilaria Beggi al marketing del marchio Framar


Entrata nel team marketing Gimi dal 2010, subito dopo l'acquisizione di Framar, Ilaria Beggi è responsabile della gestione del marchio. Giovane manager toscana laureata in Scienze Politiche, inizia la carriera negli uffici commerciali e trade marketing di aziende internazionali (come Danone e l’Oreal) per poi approdare in Max Mayer, multinazionale delle vernici.

Il best seller di casa Framar


Si chiama Major il prodotto best seller dell'azienda piemontese. Facile, maneggevole e adatto agli usi domestici, è uno sgabello di qualità, prodotto made in Italy. Disponibile in due colori (bianco e rosso) e in 3 versioni, 2 gradini (come in foto), 3 gradini e 4 gradini, Major è dotato di un blocco di sicurezza una volta aperto (innovazione brevettata da Framar) e di un tappetino antisdrucciolo.