Accedi oppure registrati

Interviste » Nobex, 20 anni di fissaggi

Nobex, 20 anni di fissaggi

Condividi06 April 2012

Tag:

In seguito all’acquisizione da parte del Gruppo Carpaneto Sati, Nobex ha affrontato due anni in cui sono stati fatti tanti cambiamenti, portate novità e “fissati” obiettivi ambiziosi. In occasione della riunione annuale della forza vendite del 2 febbraio scorso, Nobex ha festeggiato il 20° anniversario della sua fondazione. Presentato l’ampliamento e il rafforzamento della gamma prodotti con nuovi prodotti, nel fissaggio leggero, pesante e per il settore edile con la nuova linea “…Fissa in sicurezza”, dedicata alla sicurezza e visibilità dei ponteggi, i nuovi espositori in palbox e in metallo, oltre alle interessanti e appetibili promozioni per i rivenditori. Sono stati questi i temi affrontati nel corso della riunione, oltre ovviamente all’importante riconoscimento conferito a Benedetto Notararigo, fondatore dell’azienda, alla presenza della nuova proprietà, premiato con una targa ricordo consegnatagli dal direttore commerciale Maurizio Manca, che abbiamo incontrato nella sede di Siziano (PV), il quale ci ha raccontato le ultime novità in casa Nobex.
 
Mondo Pratico: Qual è il valore aggiunto di un’azienda come Nobex ?
Maurizio Manca: Il valore aggiunto di un’azienda come Nobex è saper fornire un servizio che va al di là della semplice fornitura di tasselli. Il nostro cliente sa che il rapporto con Nobex non si esaurisce con l’ordine e la consegna della merce, ma è prolungato nel tempo. I nostri prodotti, per come vengono presentati all’interno del punto vendita, si propongono decisamente nel favorire il sell out, aiutando così il rivenditore, il quale, soprattutto in momenti delicati come quello che stiamo attraversando tutti, è ben lieto di poter avere un aiuto da parte del fornitore.
Dobbiamo distinguerci nel mare di offerte presenti nel nostro comparto. Proprio per questo non mi piace parlare esclusivamente del prodotto, bensì dell’intera offerta proposta insieme a quel determinato articolo, offrendo formazione.
 
Mondo Pratico: In che modo presentate i vostri prodotti alla clientela?
Maurizio Manca: In Nobex cerchiamo sempre di “legare” il prodotto promozionato a un gadget particolare, utile, pratico e utilizzabile, che sia incentivante e essere facilmente riconoscibile e individuabile nel punto vendita e esposto nella maniera più redditizia possibile su pedane dedicate o palbox. Così come per i blister, dedicati ad una clientela al libero servizio, abbiamo studiato degli espositori capaci di ottimizzare al meglio lo spazio a disposizione, grazie alla presenza di ben 13 referenze su metro lineare, riuscendo a sfruttare al meglio ogni centimetro quadrato nella maniera migliore. L’espositore Nobex offre quattro ripiani mobili più la base, utili per una maggiore esposizione della gamma prodotti, e offrendo l’ultimo pannello forato per l’appendibilità di punte. Lo scopo è quello di far personalizzare a piacimento del rivenditore il singolo espositore, tenendo conto delle proprie esigenze commerciali di utente finale.
L’importante è fornire sempre al mercato un’immagine unica e coordinata con cui spingere il nostro prodotto nell’ottica di fidelizzare la clientela e avere la riconoscibilità del brand.
 
Mondo Pratico: Lei è in contatto continuo con la rete vendita: quali sono i feedback dei suoi agenti che quotidianamente si trovano ad affrontare le difficoltà in prima linea ?
Maurizio Manca: Sono convinto che nel momento in cui riesco a formare al meglio il mio agente, automaticamente riesco a trasmettere i plus del mio prodotto al mercato. Per questo spesso affianco gli agenti cercando di trasmettere loro le informazioni utili per “illustrare” ed “esporre” al meglio i nostri prodotti, cercando di trasferire un po’ di esperienza accumulata in oltre 25 anni nel comparto del fissaggio. Paradossalmente lo stallo del mercato, che non tende a mollare la presa, sta dando la possibilità ai venditori di avere più attenzione per far “conoscere”  al meglio l’utilizzo e per proporre le novità di prodotto.
E di pari passo va considerato un altro aspetto: la crisi ha inevitabilmente portato tanti nostri clienti, acquisiti e potenziali, ad avere più attenzione agli acquisti, valutando con maggiore attenzione la marginalità, c’è più attenzione alla qualità, e ciò aiuta realtà come la nostra che della qualità ha fatto la propria politica aziendale.
Quando il mercato ristagna hai il dovere di spiegare il tuo valore aggiunto: qualità, presentazione, servizio e margini, il cliente è particolarmente attento a questi temi, soprattutto quando ha un potere d’acquisto più ridotto.
 
Mondo Pratico: Negli ultimi anni il chimico ha sottratto quote di mercato al fissaggio meccanico: è un trend ancora in atto?
Maurizio Manca: In Nobex abbiamo ampliato la nostra gamma, sia nel fissaggio meccanico sia nel chimico. Il chimico è sicuramente in ascesa, ma sempre se parliamo di professionisti: l’hobbista è invece ancora legato al meccanico, per un utilizzo più “casalingo”.
In entrambi gli impieghi è però fondamentale che l’utilizzatore si possa confrontare con un banconista preparato, sia nello spiegare i plus di determinati prodotti, nel comunicare gli standard dettati dalle normative vigenti, sia nello esporre il corretto utilizzo.
 
Mondo Pratico: Immagino che spesso l’utente medio sia assolutamente a secco di informazioni in merito alle certificazioni del settore fissaggio…
Maurizio Manca: Purtroppo è così. Molti nostri tasselli sono certificati EOTA, il benestare europeo che certifica la conformità e l’impiego del prodotto. Il rischio che si corre quando non si conoscono le certificazioni dei prodotti è nel sottovalutare il tassello e parallelamente sovrastimarlo, andando a fare un utilizzo inadeguato.
In Nobex puntiamo sulla formazione dell’agente e di riflesso, su quella del banconista, affinché tutti possano entrare direttamente in contatto con quelle necessarie informazioni imprescindibili per un corretto uso dei prodotti.
 
Mondo Pratico: La formazione è dunque la ricetta di Nobex contro la crisi: quali altre strategie sono utili in momenti difficili come quello attuale ?
Maurizio Manca: Il mutamento del mercato ha indubbiamente colpito il nostro settore e messo in grave difficoltà parte delle rivendite di ferramenta e materiale edile dislocate sul territorio. Solo chi oggi sta investendo e ha saputo specializzarsi riuscirà domani a ripartire con le proprie forze. L’unico modo per non farsi risucchiare dal vortice della crisi è quello di offrire più gamma e maggiori servizi: perché se non lo fai tu lo fa il tuo vicino.
Chi riesce ad attrezzarsi ora, sarà pronto prima e più degli altri quando la crisi sarà passata.