Accedi oppure registrati

Interviste » Sodifer presenta la nuova sede

Sodifer presenta la nuova sede

Condividi Segnala a un amico 27 June 2014

Tag:

E' uno dei nomi più importanti nel mondo della distribuzione di articoli di ferramenta, giardinaggio e fai da te, e da gennaio ha a disposizione un nuovo centro logistico tra i più estesi e moderni del comparto. Stiamo parlando di Sodifer, azienda riminese presente da oltre venti anni sul mercato nazionale della ferramenta e della grande distribuzione. Il presidente Giancarlo Bonori, l'amministratore delegato Franco Donati e il responsabile marketing Luca Bonori ci hanno accolti guidandoci alla visita della nuovissima sede targata 2014 a Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini.
 
Mondo Pratico:  La nuova sede di 24.000 mq è il segno evidente di una crescita legata all'evoluzione del mercato e che riflette le rinnovate esigenze della clientela: in che modo sta cambiando il vostro storico servizio “chiavi in mano”?
Franco Donati: Da sempre il progetto “chiavi in mano” è il nostro fiore all'occhiello: consiste nell’allestire un reparto brico – fai da te all’interno della rivendita di ferramenta e di edilizia con l’obiettivo di attirare il cliente privato e professionale, attraverso un’ordinata ed oculata esposizione delle merceologie a libero servizio.
Dal momento del primo incontro fino alla consegna dell’area “chiavi in mano”, offriamo la consulenza per trovare le strutture espositive più consone alle caratteristiche del punto vendita e la fornitura delle stesse, insieme al giusto assortimento. Ora il mercato è in evidente evoluzione e le richieste da parte della clientela sono mutate. Il nostro compito è intercettare le esigenze del mercato e adattare l'offerta in base alle esigenze del cliente.
 
Mondo Pratico:  In cosa è cambiato il vostro lavoro di intervento diretto sul punto vendita in questo momento di difficoltà economica generale?
Franco Donati: E' inevitabile che le attuali difficoltà del mercato si ripercuotano anche nel nostro lavoro, ma noi abbiamo avuto il merito di interpretare le necessità dei negozianti e siamo stati capaci di “aggiustare il tiro”, riuscendo a dialogare in maniera sempre più fitta anche con quelle rivendite con metrature più limitate, quei negozi da 100-150 mq che oggi non possono essere più trascurati.
 
Mondo Pratico:  Parliamo sempre di ristrutturazioni di negozi, non di interventi da zero con creazione di un libero servizio chiavi in mano?
Franco Donati: La ristrutturazione è il tipo di servizio che oggi è più richiesto dai negozianti, che sono sì sensibili al nostro tipo di intervento ma entro certi limiti di spesa. Oggi, quando parliamo di ristrutturazione, come detto, non possiamo più pensare di dedicarci solo alle medie-grandi superfici, che negli anni scorsi hanno rappresentato il nostro cliente tipo. La grande capacità che ci riconosciamo e che vorremmo veicolare è che siamo come il buon medico di famiglia: possiamo aiutare il bimbo a crescere e l'adulto a mantenere un buono stato di salute.
 
Mondo Pratico:  Si può dunque affermare che ormai il libero servizio è entrato a pieno regime anche nelle rivendite di piccole metrature?
Luca Bonori: Di sicuro possiamo affermare che Sodifer vive il libero servizio anche nei negozi medio-piccoli, e anzi aggiungerei che ormai le soluzioni miste sono quelle che stanno riscuotendo maggior successo in fatto di gradimento da parte del consumatore finale.
Da parte nostra crediamo fortemente e sosteniamo la modernizzazione e l'evoluzione della rivendita tradizionale in termini espositivi e di servizi. Abbiamo voluto, proprio per questo motivo, impostare la nostra nuova showroom come fosse un modello di rivendita evoluta di 150 mq, metratura accessibile a tanti negozi di ferramenta che vogliamo invitare a visitarci.
 
Mondo Pratico:  La mentalità dei negozianti sta dunque finalmente cambiando?
Luca Bonori: I rivenditori oggi recepiscono l'utilità del libero servizio e l'importanza di inserire nuove merceologie; le vecchie convinzioni sono barriere che, finalmente, si stanno abbattendo, con effetti positivi e incoraggianti per tutto il settore.
 
Mondo Pratico:  In venti anni siete passati da un magazzino di 700 mq a questo attuale di 24.000. Una crescita importante e significativa...
Giancarlo Bonori: Il trasferimento all'attuale sede è stato pensato e costruito per offrire un servizio migliore ai clienti, servizio al cliente che, come sempre, rappresenta il nostro valore aggiunto.
La logistica è stata studiata per garantire la massima rapidità nello stoccaggio a favore di un immediato prelevamento e spedizione. Sistemi operativi,  viabilità interna e operatori muniti di mezzi e palmari hanno potenziato ancora più l'efficienza logistica dell’azienda.
Il trasferimento da una sede all'altra, poteva ovviamente dare qualche problema di assestamento in termini di servizi e consegne nel breve periodo e ci eravamo dati un semestre per “ammortizzare” il cambio. Le tempistiche sono state rispettate anzi oltre le più rosee aspettative già a marzo abbiamo saputo raggiungere lo standard ottimale di servizio, con estrema soddisfazione nostra e, ovviamente, della nostra clientela.

Nella foto in apertura, da sinistra: Nicola Cipro, Marco Giannini, Luca Bonori e Giancarlo Bonori.