Accedi oppure registrati

Interviste » Le linee garden di Stanley e Black & Decker arrivano anche in Italia

Le linee garden di Stanley e Black & Decker arrivano anche in Italia

Condividi Segnala a un amico 17 December 2014
Dopo aver fatto il loro debutto nel 2012 in Europa, le linee di attrezzi per il giardinaggio firmate da Stanley e Black & Decker arrivano anche nel mercato italiano. A portarle in Italia è Bavicchi, lo storico produttore e distributore umbro di prodotti per il gardening e l'agricoltura.
Stanley e Black & Decker sono due brand storici a livello mondiale. Frederick Stanley ha avviato la produzione di articoli di ferramenta in ferro battuto nel 1843 nel Connecticut e qualche anno dopo, nel 1910, S. Duncan Black e Alonzo G. Decker hanno aperto un negozio simile a Baltimora: soltanto sei anni più tardi inventarono il primo trapano, che avrebbe cambiato la loro storia e consegnato il brand Black & Decker alla storia. Nel 2010 le due società si sono fuse, formando la Stanley Black & Decker, che oggi riunisce l’esperienza di molti brand in diversi campi di applicazione: oltre a Stanley e Black & Decker possiamo ricordare Usag, Facom e Dewalt.
Oltre a essere nota per gli attrezzi e l’elettroutensileria, Stanley Black & Decker è presente anche nel mercato del giardinaggio e nel 2012 ha avviato la distribuzione di due linee di attrezzi per la cura del giardino in alcuni paesi europei. A partire da novembre arriveranno anche in Italia e come partner è stata scelta un’impresa altrettanto storica: l’umbra Bavicchi fondata nel 1896 e specializzata nella produzione e distribuzione
di sementi e prodotti per l’agricoltura e il giardinaggio. Accanto all’attività storica delle sementi, Bavicchi in questi anni ha sviluppato l’attività di distribuzione di altre linee di prodotto, come i germogli Geo, i prodotti Wildlife per proteggere gli uccelli selvatici, gli articoli sostenibili Country Style, la collezione tutta al femminile Garden Girl e gli estrattori di succo di frutta e verdura Juicer. Per saperne di più abbiamo incontrato Dario Bavicchi, amministratore di Bavicchi Spa.

MondoPratico: Come è nato questo accordo?
Dario Bavicchi: Da tre anni Stanley e Black & Decker stanno lavorando per costruire una gamma di articoli per il giardinaggio da distribuire in Europa. Nel 2012-13 c’è stato il lancio nei primi paesi, con un successo veramente eccellente. I prodotti sono entrati molto velocemente nel mercato, grazie alla forza dei marchi ma anche grazie alla capacità di aver creato dei cataloghi molto completi e con prodotti di elevata qualità. Noi abbiamo siglato l’accordo distributivo esclusivo per l’Italia in tutti i canali, come del resto avviene anche in altri paesi europei.

MondoPratico: Stiamo parlando di due cataloghi distinti: quali differenze ci sono tra Stanley e Black & Decker?
Dario Bavicchi: Sono due marchi diversi, con due posizionamenti ben precisi che vengono dalla storia di questi marchi, che è una storia molto coerente anche con l’immagine: Black & Decker offre un alto livello qualitativo col giusto prezzo, posizionandosi nella parte centrale del mercato, cioè quella rivolta alle famiglie e a chi vuole utilizzare dei prodotti di qualità senza spendere le cifre necessarie per i prodotti professionali. Il prodotto Stanley è invece costruito per l’utilizzatore professionale: se vai in un cantiere non trovi nessuno che non abbia qualcosa di Stanley addosso, dal cappellino al metro. La stesse filosofia è stata portata in modo molto coerente anche nel garden.
Una linea di prodotti altamente professionali e quindi posizionata su un livello leggermente superiore rispetto a Black & Decker.
Rispondono alle esigenze di due range che possono coesistere all’interno del punto vendita, perché si rivolgono a due categorie di utilizzatori diversi. Non si è trattato di realizzare una commodities da lanciare sul mercato: ogni singolo prodotto è stato costruito, ingegnerizzato e studiato per entrare in questi cataloghi.

MondoPratico: Il catalogo Black & Decker comprende anche l’irrigazione…
Dario Bavicchi: Sì, è un catalogo di 64 pagine abbastanza corposo e comprende anche i classici prodotti per l’irrigazione destinati a un uso domestico. Il catalogo Stanley oggi propone solo le attrezzature, ma c’è in programma una sua evoluzione futura, volta a proporre prodotti per l’irrigazione con una veste consona al marchio Stanley. I due cataloghi hanno un potenziale di crescita e di ampliamento, che verrà sviluppato nel tempo, in funzione delle esigenze del mercato.

MondoPratico: L’ampia conoscenza dei due brand tra i consumatori sarà sfruttata nel punto vendita?
Dario Bavicchi: Tutto è costruito intorno a un sistema espositivo, che svolge il ruolo di contenitore ed è stato creato per garantire il massimo impatto dei marchi sul mercato. È un aspetto molto importante per noi, perché il materiale espositivo rappresenta l’ultimo anello e quello che costruisce la relazione con il cliente. Creare un corner Stanley o Black & Decker con i colori subito riconoscibili di questi brand è un’occasione interessante per molti rivenditori specializzati italiani.

MondoPratico: Gli attrezzi manuali, fra l’altro, si integrano perfettamente alla vostra offerta…
Dario Bavicchi: Esatto. Era qualcosa che ci mancava e oggi siamo veramente in grado di coprire tanti settori, in maniera adeguata e sempre con il nostro obiettivo: offrire prodotti di qualità che generino valore per tutta la filiera, per il cliente finale e per il rivenditore.