Accedi oppure registrati

Interviste » Stefano Viglietta ci racconta il Viglietta Guido Spring Day

Stefano Viglietta ci racconta il Viglietta Guido Spring Day

Condividi Segnala a un amico 20 December 2017
Il prossimo 8 aprile Viglietta Guido organizzerà il suo primo open day, un appuntamento che si presenta ricco di novità e con un’impostazione originale. Abbiamo intervistato Stefano Viglietta, titolare dell’ingrosso piemontese insieme a suo padre Guido, per farci raccontare cosa succederà il prossimo 8 aprile, quando Viglietta Guido ospiterà la propria clientela presso il Lago dei Salici, una location prestigiosa, immersa nella natura, diversa dai magazzini o padiglioni fieristici che tradizionalmente ospitano questo tipo di eventi.
I 90 espositori attesi al Viglietta Guido Spring Day (Il nostro Gruppo Editoriale Collins è stato incaricato di affiancare il distributore piemontese nell’organizzazione) potranno sicuramente contare sulle visite di numerosi negozianti, vista la vicinanza geografica con la zona di competenza di Viglietta Guido (che opera in tutto il Nordovest: Piemonte, Liguria, Lombardia e Valle d'Aosta) e la sua riconosciuta capacità di avere rapporti consolidati con i propri clienti.
Ecco cosa ci ha raccontato Stefano Viglietta!

MondoPratico: Viglietta Guido è famosa nel mercato, oltre che per la qualità del suo servizio, per la sua riservatezza. Proprio per questo motivo, il vostro open day ha colto molti di sorpresa: come mai avete preso questa decisione?
Stefano Viglietta:
Abbiamo condiviso quest'idea con i nostri clienti, che evidentemente ci vedono come un loro partner strategico e vogliono condividere una giornata di incontro con noi. Sembrerebbe che di fronte a una premessa di questo tipo non potevamo sottrarci, la verità è che siamo veramente contenti di organizzare questo open day.

MondoPratico: A giudicare dalla location si prospetta un avvenimento diverso da altri simili…
Stefano Viglietta:
L’evento si svolgerà di domenica, un giorno in cui le persone hanno voglia di svagarsi, ci sembrava quindi giusto scegliere una location che potesse garantire una giornata piacevole ai nostri clienti che decideranno di partecipare. È chiaro che un open day ha un signifi cato essenzialmente commerciale, ma crediamo che organizzarlo in un bel contesto sia un aiuto in questo senso, non una distrazione. D’altro canto l’evoluzione del commercio moderno ci insegna che un bel negozio vende più di uno brutto.

MondoPratico: Organizzativamente è una bella sfida...
Stefano Viglietta:
Il Lago dei Salici di Caramagna Piemonte (CN), il luogo che abbiamo scelto come sede dell’evento, oltre a essere un posto suggestivo ha un’organizzazione impeccabile:è in grado di gestire un flusso di persone ben superiore alle presenze che ci aspettiamo e, naturalmente, attrezzato anche nel caso ci sia una giornata di pioggia. Per cui è una sfida assolutamente alla portata.

MondoPratico: Un altro aspetto importante è proprio la prossimità della location: lo avete organizzato “vicino a casa”.
Stefano Viglietta:
Sì, noi siamo un’azienda con un bacino d’utenza ben preciso, che raggiungiamo in maniera capillare e al quale riusciamo a  garantire ottimi standard di servizio. Operiamo in tutto il Nordovest: Piemonte, Liguria, Lombardia e Valle d’Aosta. Per questo organizzarlo nel nostro territorio era per noi un’esigenza sia pratica, sia simbolica: pratica perché i nostri clienti possono raggiungerci con spostamenti ridotti, simbolica perché ci sentiamo e vogliamo essere un’azienda piemontese, anche se ormai il nostro raggio d’azione è esteso all’intera area appena citata.

MondoPratico: Chi sono i partecipanti di Viglietta Guido Spring Day?
Stefano Viglietta:
I nostri clienti. È una giornata per loro, per ringraziarli della loro fedeltà, per presentargli in anteprima le novità, per premiarli con delle offerte dedicate, per offrirgli un buon pranzo, insomma per coccolarli.

MondoPratico: E invece i fornitori come hanno reagito al vostro invito?
Stefano Viglietta:
Molto bene, in maniera anche superiore alle aspettative. Il rapporto con i nostri principali fornitori è storico, radicato e  consolidato, per cui ero abbastanza sicuro che avrebbero deciso di partecipare, ma la risposta è stata superiore alle aspettative, tanto che inizialmente pensavamo di allestire 70-75 stand e invece siamo passati subito a 90: un risultato che ci fa ben sperare per la riuscita dell’evento.