Accedi oppure registrati

News » La qualità che stende il prezzo

La qualità che stende il prezzo

Condividi Segnala a un amico 20 May 2008
Corde, funi e cavi: prodotti complessi nella loro semplicità. Ne abbiamo parlato con Cord Plast, azienda con sede a Catanzaro che vanta quasi mezzo secolo di attività nel settore estrusione e stampaggio.

Antonio Frustagli non è certo una persona che si lascia intimorire dalle difficoltà del tessuto economico-sociale in cui opera. Alla guida di Cord Plast, incoraggia i suoi collaboratori ricordando loro il difficile cammino percorso e con soddisfazione afferma che: “tanto più gli obiettivi da raggiungere sono ambiti e impossibili, tanto più ci divertiamo a perseguirli con costanza, per il piacere di esserci riusciti”.
Proprio quest'anno l’azienda, specializzata nell’estrusione di cavetti stendibiancheria e cintini in pvc così come nello stampaggio di accessori in genere, festeggia un traguardo importante: le “nozze d'oro”. Cinquant’anni di presenza sul mercato ferramenta, casalinghi e fai da te sono un ambito riconoscimento che ricompensa i sacrifici compiuti. Ne abbiamo parlato con il titolare Antonio Frustagli.

MondoPratico: Qual è il vostro principale cliente e attraverso quali canali viene servito?
Antonio Frustagli: I nostri clienti sono soprattutto grossisti e distributori operanti nel nostro settore di riferimento, ma anche produttori di articoli tecnici, che necessitano di un prodotto personalizzato nella tecnica e nella vestizione. Riusciamo ad avere una presenza capillare su tutto il territorio nazionale proprio grazie alle collaborazione molto proficua con i grossisti: con loro abbiamo sempre cercato un confronto limpido e preciso, al fine di essere considerati non semplici fornitori, ma un reparto di produzione.

MondoPratico: Quanto conta l’innovazione nel vostro settore e quali sono gli strumenti attraverso i quali vi differenziate dalla concorrenza?
Antonio Frustagli: Le nostre produzioni sono di uso comune e generico e questo richiede enormi quantità produttive per riuscire a essere concorrenziali. Siamo sempre alla ricerca incessante di un’ottimizzazione produttiva e tecnologica e di nuovi prodotti che nascono dalle richieste del mercato. Proprio in questo periodo abbiamo dato una risposta certa e indiscutibile a tutti i clienti che ci hanno sempre segnalato la necessità di un prodotto che possa essere sinonimo di qualità e unicità nel suo genere. Ci sono voluti ben 10 anni di studio portati avanti grazie alla nostra esperienza nella estrusione e nello stampaggio tecnico per creare un nuovo prodotto Made in Italy: il cavetto stendibiancheria multiuso Biancomega.
Si tratta del primo cavetto stendibiancheria multiuso brevettato, frutto di un’innovazione mai raggiunta prima nel settore estrusione nel comparto commerciale di riferimento. Offre la massima performance e da questa caratteristica ne deriva il nome: Omega come l’ultima lettera dell’alfabeto greco, Biancomega come l’ultima frontiera dello stendibiancheria multiuso.

MondoPratico: Secondo la sua esperienza personale, qual è attualmente la situazione del commercio al dettaglio?
Antonio Frustagli: Il problema su cui si basa il disorientamento generale non è altro che la mancata corretta interpretazione di quello che è accaduto in questi ultimi anni. Vi sono stati mutamenti così veloci e profondi che non si ha avuto la possibilità di "metabolizzare il cambiamento", con la conseguenza di non essere pronti a un confronto globale con altri sistemi produttivi e di mercato.
Ormai la nostra azienda ha un’identità ben definita: grazie agli enormi investimenti in tecnologie affrontati negli ultimi anni, il mercato ci riconosce come produttori di articoli che offrono il massimo delle prestazioni.

MondoPratico: Le istituzioni cosa propongono a una realtà come quella che descrivete?
Antonio Frustagli: Nulla, buio totale: abbiamo cercato più volte di proporre percorsi veri e concreti, per esempio chiedevamo di poter promuovere il territorio come testimonial, visto i contatti continui verso altre realtà nazionali, o di attuare dei programmi d'investimento per il Mezzogiorno in collaborazione con altre aziende, ma le persone hanno paura di investire in un "territorio a rischio" e comunque lasciamo fare politica a chi fa politica. Noi ci siamo creati l'alternativa senza l'aiuto di nessuno, solo grazie alla nostra tenacia e perseveranza da "imprenditori terroni quality stile".

MondoPratico: Pensando al futuro, cosa prevede?
Antonio Frustagli: Collaborazioni, intese, accordi. Il mercato non deve essere inteso come un posto per gladiatori, che dissanguano la propria vita per raggiungere la gloria, ma un immenso bacino di utenza dove le aziende nazionali possono collaborare per scrivere insieme una nuova storia sul Made in Italy e riportare le nostre produzioni all'apice dell'apprezzamento mondiale.