Accedi oppure registrati

News » Bauli Telcom testati durante la missione ENEA in Antartide

Bauli Telcom testati durante la missione ENEA in Antartide

Condividi Segnala a un amico 17 June 2008
Per cercare risposte sul futuro del pianeta (in particolare per censire la flora e la fauna del Mare di Ross), ENEA organizzerà una missione in Antartide con ricercatori americani e neozelandesi.
Il mare di Ross è una regione nota per essere tra le più inospitali del pianeta e i mari che la circondano come i più tempestosi del mondo. La temperatura, costantemente a decine di gradi sotto lo zero, e le condizioni meteorologiche estreme mettono a dura prova apparecchiature, mezzi, uomini e non ultime le navi stesse.
Ad accompagnare i ricercatori dell’ENEA ci saranno i bauli della linea Jolly di Telcom. Realizzati in super resine speciali e progettati per essere trasportati facilmente, i bauli Telcom resistono agli urti accidentali, a carichi statici fino a 170 kg, all’attacco di acidi naturali e a temperature elevate e bassissime. Sono inattaccabili da muffe e licheni e idonei al trasporto di alimenti e, grazie all’uso di guarnizioni, sono anche ermetici.
Dopo aver partecipato a rally in Africa (a cui si riferiscono le foto), i bauli Jolly di Telcom sono sottoposti a quest’altro straordinario test.
L’alta capacità professionale di centinaia di collaboratori e il know how tecnologico acquisito nel corso degli anni, è all’origine della qualità dei prodotti Telcom realizzati negli stabilimenti produttivi di Boston, Legnano, Bangkok, Messina, Tirana, Saragozza in Spagna, Arad in Romania e Odessa in Ucraina, oltre che di Ostuni, in Puglia.
In oltre 30 anni di storia la Telcom ha “esplorato” tutte le latitudini della produzione professionale e hobbistica, spaziando dai vasi ai mobili da giardino ai prodotti per animali, dai serbatoi per acqua alle fosse biologiche, agli impianti di depurazione che raggiungono i 50.000 litri.