Accedi oppure registrati

News » Sfatate le "leggende metropolitane" sui fiori

Sfatate le "leggende metropolitane" sui fiori

Condividi Segnala a un amico 02 February 2009
Mettere un'aspirina nell'acqua del vaso di fiori allunga la fioritura. Oppure un centesimo di rame. Quante volte avete sentito queste "leggende metropolitane" che circondano la conservazione dei fiori recisi?
L'Asta dei Fiori olandese FloraHolland ha voluto vederci chiaro e, attraverso il suo Centro di Conoscenza dei Prodotti, ha promosso uno studio per sperimentare i vari "rimedi".
Replicando fedelmente l'ambiente casalingo, sono stati sperimentati su rose e lisianthus vari test: bibite, bibite light, aspirina, aggiunta di cloro, monete con o senza rame in diversi dosaggi e naturalmente i nutrimenti per fiori recisi.

FUNZIONANO SOLO I PRODOTTI SPECIALISTICI... E LA 7Up !


I test hanno dimostrato che tutti i vari rimedi non apportano alcun beneficio rispetto all'utilizzo della semplice acqua del rubinetto. Anzi in taluni casi si sono manifestate effetti negativi: l'aspirina ha un effetto disastroso sulle foglie dei lisianthus e un alto dosaggio di cloro ingiallisce le foglie delle rose.
Gli unici risultati positivi sono arrivati dai prodotti specifici (conservanti e nutrienti per fiori recisi) e dalla bibita zuccherata 7Up (nel caso del test): quest'ultima migliorare l'acqua del rubinetto per il contenuto di zucchero e il livello di acidità.
Il Centro di Conoscenza di FloraHolland raccomanda di seguire le dosi indicate sulle confezioni dei diversi nutrimenti per i fiori in commercio. Il nutrimento per fiori recisi, infatti, prolunga la crescita in vaso, stimola i fiori ad aprirsi e aiuta a mantenere vivo il colore più a lungo. Le bibite possono dare risultati simili, ma è molto più difficile dosarle correttamente.