Accedi oppure registrati

News » L'evoluzione del negozio di ferramenta

L'evoluzione del negozio di ferramenta

Condividi Segnala a un amico 03 November 2009

Tag:

E’ partito, con un convegno svoltosi a Milano il 22 ottobre, un progetto che mira ad aumentare il livello di informatizzazione delle rivendite. Ferramenta&Casalinghi, scelta dagli organizzatori come testata di riferimento nel settore, era presente all’incontro: ecco un resoconto del meeting.

Un percorso di innovazione tecnologica teso a rendere, nel medio termine, il negozio di ferramenta sempre più competitivo nel settore. Questa la finalità del convegno “Una crisi da non sprecare”, svoltosi lo scorso 22 ottobre all’interno della fiera SMAU di Milano.
Un meeting a cui ha partecipato anche Ferramenta&Casalinghi, scelta dagli organizzatori come testata di riferimento a livello nazionale nel settore della ferramenta.
Il convegno, promosso da Comufficio e dall’Associazione commercianti casalinghi, coltelleria, ferramenta, utensileria, vetro e ceramica della Provincia di Milano, ha visto alternarsi diversi relatori. Oltre a Marco Schianchi, presidente di Comufficio, Andrea Spinardi e Michele Tacchini, rispettivamente presidente e consigliere dell’Associazione Casalinghi e Ferramenta, e Marco Ugliano, caporedattore della nostra redazione di Ferramenta&Casalinghi, erano presenti anche tre protagonisti diretti del comparto, in rappresentanza di tre aziende specializzate proprio in software gestionali: Alessandro Bortolaso, di 2 Bit Servizi Informatici, Maurizio Fontanelle di Vulcano Team e Fernando Pasqualini di Enter, i quali hanno illustrato ai presenti i vantaggi, per i titolari di una rivendita tradizionale di ferramenta, nel dotarsi di un software gestionale.

UN PROGETTO COMUNE

L’obiettivo del progetto, alla base del convegno organizzato allo SMAU, cioè aumentare il livello di informatizzazione all’interno delle rivendite di ferramenta, è sicuramente ostico da raggiungere. Ma l’unico modo per difendersi dalla concorrenza agguerrita della grande distribuzione è puntare sull’innovazione tecnologica. Comufficio vuole rappresentare una piattaforma di incontro tra domanda e offerta, e il suo scopo primario è realizzare un progetto di cambiamento che riesca a raggiungere tre obiettivi: aumentare i corrispettivi, rafforzare la fidelizzazione del cliente, che in un negozio tradizionale si aspetta di trovare un servizio e una competenza migliori rispetto alla gds, e infine rendere i negozi più efficienti, grazie proprio al supporto di software gestionali.
Affinché questo progetto vada in porto è necessario che siano posti alle sue basi dei pilastri imprescindibili: la tecnologia deve costare poco, e in tal senso Comufficio si rivolgerà alle Istituzioni preposte ai finanziamenti; saranno coinvolte le aziende che hanno da proporre qualcosa di innovativo e credono nel progetto e le associazioni di categoria; sarà infine chiesto il supporto degli operatori presenti sul territorio affinché ci sia assistenza capillare per il servizio post-vendita.
Il convegno è insomma il primo passo di un progetto serio e ambizioso, che va portato avanti per fornire ai negozianti di ferramenta uno strumento utile per essere sempre più competitivi sul mercato.