Accedi oppure registrati

News » R&D e nuovo polo ricambi: così Emak reagisce alla crisi

R&D e nuovo polo ricambi: così Emak reagisce alla crisi

Condividi Segnala a un amico 11 February 2010

Tag:

Per Emak il 2009 è stato un anno difficile, influenzato da una crisi economica senza precedenti che ha influito sulla domanda di tutti i beni e servizi, compreso il settore di riferimento, che si stima abbia avuto una recessione del 18% a volume e del 20% a valore. Ciò nonostante il Gruppo Emak ha chiuso l’esercizio 2009 facendo registrare ricavi consolidati per 194,9 milioni di euro, pur a fronte di un calo del fatturato del 19,9%.
“La politica di controllo dei costi - spiega un comunicato ufficiale - non ha però influito sugli investimenti. Il Gruppo Emak ha confermato il suo impegno in materia di R&D: un impegno testimoniato dalla presenza di Emak nell’EU Industrial R&D Investment Scoreboard, il report dell’Unione Europea che elenca le 1.000 aziende europee che più investono in attività di Ricerca e Sviluppo (edizione 2009 uscita il 16 novembre scorso)”.
Nell’ottica di migliorare il livello di servizio offerto alla clientela Emak ha realizzato un nuovo centro di distribuzione per i ricambi e gli accessori del Gruppo: inaugurato ufficialmente il 29 gennaio 2010, il nuovo polo ricambi del Gruppo Emak sorge a Bagnolo in Piano (RE), sviluppandosi su una superficie di 5.000 mq. Quasi triplicato il volume totale degli spazi, oggi pari a 50.000 mq. Raddoppiata anche la capacità di evasione degli ordini con un output giornaliero di oltre 3.000 righe. L’investimento, comprensivo della costruzione dell’edificio e dell’acquisto dei macchinari, è stato di 8 milioni di euro circa.