Accedi oppure registrati

News » Buyer Point International: il mercato rumeno a raccolta

Buyer Point International: il mercato rumeno a raccolta

Condividi Segnala a un amico 04 November 2016
Si è tenuto lo scorso 19 ottobre, nella prestigiosa cornice del palazzo del Parlamento di Bucarest, Buyer Point International, la manifestazione organizzata per favorire l’export in un mercato, quello del sud est europeo, particolarmente ambito in questo periodo storico grazie a dei buoni parametri economici e una finalmente ritrovata stabilità socio politica.
Il parco visitatori ha offerto una buona panoramica del mondo del retailer rumeno, con buyer di alcune delle più importanti realtà operanti sul territorio. Da eMag a Carrefour, da Praktiker a Auchan, fino agli operatori specializzati nelle vendite online come Vivre e Gardenpedia.
Rispetto all’edizione passata si sono aggiunte alcune nuove insegne particolarmente interessanti: Hornbach, il cui direttore acquisti ha anche fatto da guida agli espositori durante il tour dei negozi tenutosi la giornata precedente. Il negozio di Militari, quartiere a ovest di Bucarest, è il flagship store dell’insegna tedesca in Romania, un punto vendita di circa 25.000mq che dà grande spazio alle tradizionali merceologie brico e presenta un’area garden molto ampia e allestita in maniera ricca e curata.
Un’altra novità è stata la presenza di due aziende del settore arredamento come Jysk e Kika, due multinazionali che stanno ampliando la propria presenza sul mercato rumeno e si stanno muovendo per migliorare la propria offerta.
Jysk è una multinazionale danese che a livello mondiale conta più di 2000 negozi, di cui 39 in Romania, paese in cui sta procedendo a un programma di inaugurazioni molto fitto e articolato. Il suo core business è quello dell’arredamento, con un’attenzione particolare al mondo del giardino e degli accessori per la casa ed è a tutti gli effetti leader in questo settore in Romania (dove Ikea si ferma a 2 punti vendita).
Kika invece ha la sede centrale in Austria e ha aperto quest’anno il suo primo negozio a Bucarest, inaugurando così la sede rumena. Il piano di espansione prevede di raggiungere i 10 punti vendita entro i due anni.
Oltre ai buyer facenti capo direttamente alle insegne sono intervenuti a Buyer Point International più di 20 distributori e importatori, un anello necessario per avviare la propria attività sul mercato in quanto le insegne tendono a preferire di iniziare una fornitura attraverso un acquisto mediato da un’azienda locale rispetto a un’importazione diretta, che spesso ha costi e condizioni commerciali più difficili da affrontare fin da subito.

Buyer Point torna a Milano il 10 maggio 2017, con la classica edizione dedicata al mercato italiano. Per maggiori informazioni, clicca qui!