Accedi oppure registrati

News » Quanto si è disposti a spendere per il pet? Ce lo dice Maxi Zoo

Quanto si è disposti a spendere per il pet? Ce lo dice Maxi Zoo

Condividi Segnala a un amico 05 July 2018
Maxi Zoo, parte del gruppo tedesco Fressnapf, la più importante catena retail europea dedicata ad alimenti e accessori per animali, ha commissionato una ricerca al fine di scoprire quali sono gli aspetti più importanti per gli italiani quando si parla di cura dei propri pet.
Per capire i comportamenti delle famiglie italiane, Maxi Zoo ha indagato quale tra i settori che contribuiscono alla cura del proprio pet è quello per cui i proprietari intervistati investirebbero di più per avere una maggiore qualità (pet food, pet care, accessori per il pet, assicurazione per il proprio animale domestico). L’aspetto nutrizionale e salutistico si conferma maggior premura dei proprietari italiani: più della metà dei rispondenti afferma di essere disposto a spendere di più per una maggiore qualità in tutti i prodotti pet food, contro il 35% dei rispondenti per cui il pet care è l’ambito in cui cercare la qualità più elevata a qualsiasi costo. Solo il 4% degli intervistati, invece, afferma di essere più propenso a investire in accessori come giochi, collari e indumenti.

L’attenzione alla qualità di vita e al benessere del proprio pet ha, quindi, una forte ripercussione sulle disponibilità economiche messe in gioco dai proprietari in materia di alimenti: nonostante si affrontino spese che già possono superare i €100 al mese, un italiano su quattro è disposto a spendere almeno €30 in più per assicurare alimenti di maggiore qualità al proprio animale domestico.
Per quanto riguarda i prodotti pet care, un italiano su tre afferma di essere disposto a spendere di più per shampoo, spazzole, deodoranti e altri prodotti per cura e bellezza (anche questo settore in grande crescita, +15% a valore). A prestare maggiore attenzione a quest’aspetto è la fascia più giovane dei rispondenti, quella dei millenial, ossia coloro che hanno tra i 18 e i 34 anni (che costituiscono, infatti, il 40% dei rispondenti).

Rimane importante la ricerca del perfetto rapporto qualità-prezzo: anche grazie a offerte e prodotti scontati, è infatti la norma per il 64% degli Italiani, soprattutto per quanto riguarda le rispondenti donne (quasi il 67% delle quali si premura di trovare un equilibrio vantaggioso tra costo e qualità). Il 26% dei proprietari intervistati, invece, non bada a spese; di questi, il 40% è compreso tra i 16 e i 34 anni.
Importante il rapporto di fiducia che si instaura tra proprietari e prodotti a marchio esclusivo: quasi la metà dei rispondenti (48%) afferma di essere cliente abituale di private label, con cui si trova bene. L’attenzione data alla marca esclusiva e alla sua promessa di qualità risulta essere maggiore salendo di fascia d’età: quasi la metà dei rispondenti si colloca nella fascia tra i 35 e i 54 anni.
Ultimo dato, la frequenza con cui ci si reca nei pet store: per il 96% dei proprietari è almeno un appuntamento mensile, mentre per più del 46% degli intervistati è un appuntamento settimanale fisso.

“I dati raccolti ci mostrano un panorama composto in prevalenza da umani estremamente attenti ai bisogni dei loro pet, che ritengono parte integrante del nucleo famigliare”, afferma Stefano Capponi, Marketing Manager di Maxi Zoo“Il benessere emotivo e fisico dell’animale è centro delle preoccupazioni dei pet lover, delineando un forte rapporto di mutuo scambio affettivo. Maxi Zoo, fedele al suo obiettivo di diventare il “Best Partner” di tutti gli amanti degli animali, accoglie, condivide e fa sua questa tendenza, prendendola come un’ulteriore spinta al miglioramento della Unique Selling Proposition promessa agli amici a quattro zampe”.