Accedi oppure registrati

News » Eletto Antonio Bertoli, presidente FIAC

Eletto Antonio Bertoli, presidente FIAC

Condividi Segnala a un amico 28 November 2018
L’assemblea di FIAC ha eletto all’unanimità Antonio Bertoli come nuovo presidente dell’associazione fabbricanti italiani articoli per la casa, la tavola ed affini, federata ad ANIMA Confindustria.
Andrea Barazzoni, past president Fiac, lascia la carica presidenziale dopo quattro anni di mandato.
Antonio Bertoli è nato nel 1958 a Odolo, in provincia di Brescia. Dopo aver conseguito la laurea in Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Milano nel 1985, entra nell’azienda di famiglia, Abert, tra i leader nel settore della posateria e complementi d’arredo per la tavola, fondata dal nonno Antonio nel 1929, ed è membro del consiglio di amministrazione della società. Dal 1993 è a capo della Divisione Broggi 1818 di Abert, che in quell’anno ha acquisito lo storico marchio milanese di prodotti in acciaio argentato e alpacca argentata, attualmente leader di mercato nell’hotellerie e nella ristorazione ad alto livello. È sposato e da decenni partecipa attivamente alla vita associativa di FIAC.
«Desidero innanzitutto ringraziare tutte le aziende associate a Fiac per la fiducia accordatami», dichiara il neopresidente Antonio Bertoli. «Nel corso dei prossimi anni sarà mio preciso intento dare continuità all’ottimo lavoro svolto dal mio predecessore, il Dott. Barazzoni. Oltre a ciò, compito dell’associazione sarà quello di aprire un osservatorio sulle vigenti normative, che sempre più condizionano la fabbricazione dei nostri prodotti, affinché da vincoli possano trasformarsi in proficui vantaggi competitivi. Sarà, inoltre, mio obiettivo incrementare la base associativa, coinvolgendo un maggior numero di aziende ed allargando i criteri associativi, aprendo anche a realtà produttive che operano con materiali diversi dal metallo, un tempo marginali e oggi primari per il nostro comparto. Solo con un’associazione fortemente rappresentativa, infatti, potremo confrontarci con enti e Istituzioni, rendendo incisive le istanze delle tante aziende che operano nel settore».