Accedi oppure registrati

Trade news » Cefla guarda al sociale

Cefla guarda al sociale

Condividi Segnala a un amico 13 May 2008

Tag:

Vera e propria novità nel panorama della grande distribuzione italiana, il supermercato Coop di Bagno di Gavorrano è stato realizzato da Cefla Arredametni per rispondere alle esigenze dei consumatori diversamente abili.


Il nuovo supermercato Coop di Bagno di Gavorrano in provincia di Grosseto rappresenta un modello, un concept, da imitare, studiato per soddisfare le esigenze dei diversamente abili. Progettato da Inres, il “concept di accoglienza” è il frutto di un approfondito confronto con interlocutori istituzionali e associazioni, come la Federazione delle Associazioni Italiane Paraplegici (Faip).
Interpretato da Cefla Arredamenti, azienda leader del settore, il nuovo punto vendita di Unicoop Tirreno apporta numerosi vantaggi anche ai clienti abituali “normodotati”, dimostrando le enormi potenzialità del “design universale”.
Per esempio nel parcheggio, sono stati creati dei percorsi protetti, confortevoli per tutti, dai diversamente abili alle mamme con passeggino.

Segnaletica e facile viabilità


Tante sono le innovazioni introdotte: vicino ai banchi assistiti sono state allestite delle spalliere a muro, che fungono da appoggio durante le attese. I non vedenti possono orientarsi grazie ai percorsi tattili (sul pavimento) e sedute di sosta con mappe in braille. Sono stati previsti anche degli “elimina code” dotati della chiamata vocale oltre che del sistema braille.
All’interno del supermercato, la segnaletica è stata realizzata con una cromia a contrasto tra bianco e blu scuro, per renderla più visibile anche agli ipovedenti.
Per agevolare chi si sposta in carrozzella, le bilance sono state abbassate e le corsie allargate a 1,90 metri, per consentire una facile inversione di marcia.
Il concetto di accoglienza è stato infine sviluppato con coerenza anche nelle relazioni con i clienti: perciò Unicoop Tirreno ha realizzato un capillare percorso di formazione e sensibilizzazione del personale.
“La ristrutturazione di questo supermercato - ha commentato Marco Lami, presidente di Unicoop Tirreno - è stata non solo per Unicoop Tirreno ma per l’íintero movimento cooperativo una scommessa, un esperimento pilota, nel quale provare soluzioni che potranno anche essere esportate”.