Accedi oppure registrati

Trade news » Il consumatore secondo Castorama

Il consumatore secondo Castorama

Condividi Segnala a un amico 30 October 2007
Il consumatore italiano di brico-garden è alla ricerca del binomio funzionalità/estetica e la sua strategia d’acquisto è altamente influenzata dal rapporto qualità/prezzo. Richiede assistenza e la presenza di un’organizzazione di vendita che suggerisca scelta, combinazioni di prodotto, modalità di installazione. Le donne spesso sviluppano l ‘idea del progetto e si occupano dell’abbellimento della casa e del giardino. Gli uomini al contrario si occupano di attività più “hard”, che vanno dalla manutenzione alla realizzazione di progetti più complessi.
E’ questo il quadro del consumatore italiano illustrato durante una conferenza nello scorso mese di luglio da Castorama, la nota insegna del bricolage che fa parte del gruppo Kingfisher, il primo gruppo in Europa e il terzo nel mondo nella vendita al dettaglio di prodotti per il bricolage.
Per incontrare il pubblico femminile, sempre più importante, Castorama ha concepito un nuovo format (Warehouse), caratterizzato da un allestimento completamente nuovo, attualmente unico nel suo genere in Italia, di cui abbiamo un ottimo esempio nel recente restyling del punto vendita di Cremona. L’idea è di promuovere una vera e propria shopping experience, puntando su una maggiore chiarezza espositiva e maggiore scelta, con gamme di prodotto più ampie e profonde, e di superare il tradizionale concetto di “bricolage” a favore del più innovativo “home improvement” (abbellimento della casa).


CASTORAMA ITALIA
Fatturato 2006: 460 mln di euro
Utile: 47 mln di euro
Dipendenti: circa 2.500
Punti vendita: 27

KINGFISHER GROUP
Fatturato 2006: 8.676 mln di sterline
Utile: 503,7 mln di sterline
Dipendenti: 70.000
Punti vendita: più di 700