Accedi oppure registrati

Analisi » Monitoraggio: nel 2011 più negozi, ma soprattutto più insegne

Monitoraggio: nel 2011 più negozi, ma soprattutto più insegne

Condividi Segnala a un amico 02 November 2011
Nei primi sei mesi del 2011 il commercio organizzato italiano è cresciuto del 4% grazie all’affiliazione e ai centri giardinaggio. Il 2011 vedrà il debutto di ben quattro nuove insegne: Bricolife, LillyPetGarden, Dotto Brico e Decrì.


Per il commercio organizzato italiano, specializzato nel bricolage e nel giardinaggio, il 2011 inizia con un passo diverso rispetto al 2010, quando nel primo semestre abbiamo registrato un vero e proprio stop nel suo sviluppo.
Rispetto al primo semestre 2010 (quindi analizziamo l’ultimo anno), il numero dei punti vendita del commercio organizzato è cresciuto del 4%: sono infatti 925 i punti vendita attivi al 30 giugno 2011 per oltre 2 milioni di mq (+3%).
I centri bricolage sono 735 e sono cresciuti solo dell’1%, pur aumentando la superficie espositiva del +3%. La crescita è trainata dai centri giardinaggio: sono 190 e sono aumentati del 17% nel numero, ma solo dell’1% nelle superfici.
La spiegazione di questi trend è facilmente individuabile: su 32 centri brico aperti nel 2011 ben 15 hanno una superficie espositiva superiore ai 2.000 mq (dal Leroy Merlin di Palermo di 8.000 mq o il Self di Fiume Veneto da 5.000 mq, fino alle aperture di Bricoman, Bricocenter, Brico Ok e Bricolife/Eurobrico).
La crescita dei centri giardinaggio è invece trainata essenzialmente dal successo del franchising Tuttogiardino (+29 negozi negli di ultimi 12 mesi!) che si contraddistingue per le piccole superfici.
Nei primi 6 mesi del 2011 le insegne hanno inaugurato 60 punti vendita, di cui 32 centri brico e 28 centri giardinaggio.

VOLA L’AFFILIAZIONE

Ciò che cresce in modo importante è l’affiliazione: +9% con 49 nuovi centri affiliati (mq +4%). Un trend al quale ha contribuito in particolare la già citata Tuttogiardino. Precisiamo che quando parliamo di “affiliazione”, alludiamo al commercio associato nella sua globalità: quindi comprendiamo sia il franchising (o contratti similari) sia i gruppi e consorzi d’acquisto composti da imprenditori indipendenti. I punti vendita affiliati oggi rappresentano il 62% del commercio organizzato: la percentuale scende al nord (55% dei centri totali) ma sale in modo importante nel sud e nelle isole, dove l’80% dei negozi è affiliato, con percentuali importanti in Calabria (93%), Sardegna (91%), Sicilia (80%) e Molise (77%).

4 NUOVE INSEGNE NEL 2011

Ciò che caratterizzerà il 2011 è invece la nascita di ben 4 nuovi progetti distributivi.
Bricolife, nato dalla scissione di Punto Brico, è entrato in attività dal primo gennaio e conta già su una rete di 51 punti vendita per oltre 110.000 mq. Non deve stupire, poiché il gruppo dei fondatori vanta “pezzi da 90” come Eurobrico (22 centri), La Prealpina (12) e Fadda (10).
La seconda novità è l’insegna LillyPetGarden, promossa dal gruppo GDO SuperDì e IperDì, che ha già aperto in Lombardia alcuni punti vendita da 500 mq dedicati esclusivamente al pet, ma si accinge ad aprire il primo garden center di 2.000 mq a Melzo entro la fine del 2011.
Self ha annunciato il nuovo progetto Dottor Brico, dedicato ai piccoli negozi di vicinato (meno di 2.500 mq) e con una prima apertura in Sardegna in autunno.
Infine c’è grande attesa per il debutto a novembre di Decrì, nuova insegna dedicata al bricolage e alla decorazione promossa dal Consorzio Brico 100.

LE INSEGNE CHE SI SONO DISTINTE NEL 2011

Leroy Merlin ha completato i remodelling di Castorama e ha aperto 2 punti vendita a Palermo: il 9 giugno a Palermo Mondello (8.500 mq, il più grande del primo semestre) e il 14 settembre a Palermo Forum (10.000 mq). É prevista un’altra apertura a Vicenza fine 2011.
Cinque nuovi associati per Punto Brico: nel primo semestre a Faenza, Alcamo, Pace del Mela e Foligno, mentre a luglio è stato inaugurato il nuovo negozio Defi Brico a Loreto Porto Recanati (1.500 mq).
Nel primo semestre Brico Ok ha aperto 3 nuovi centri a S. Martino Siccomario, Agrigento e Torino, cui è seguita l’apertura di Calolziocorte il 4 agosto.
Italbrico ha aperto a Lanciano (1.500 mq nel giugno 2011) e Ghilarza (1.000 mq nell’agosto 2011) e ha in programma 2 nuove adesioni a Nola e Enna.
Brico Io ha aperto 3 nuovi centri: a Cailungo (1.600 mq), Cervignano del Friuli (2.100 mq) e Virgilio (2.000 mq).
Molte le insegne che hanno realizzato 2 nuove aperture. Bricofer ha aperto a Muccia (1.000 mq) il 28 aprile e il 29 settembre ha inaugurato il nuovo negozio di Nola (4.700 mq). Bricoman ha aperto a Ferrara (27 aprile) e Misterbianco (29 giugno). Nuovi negozi anche per Utility Cipir a Gemonio (2.000 mq) e Caravate (800 mq). Due nuovi affiliati anche per Puntolegno Bricolarge: a Romano di Lombardia (1.300 mq in aprile) e Taurianova (1.400 mq in maggio). Nella seconda parte dell’anno Garden Team ha in programma due nuovi ingressi a Merano e Cosenza.
Tra le insegne che hanno inaugurato 1 punto vendita, citiamo Joho per l’apertura del negozio di Viareggio il 7 luglio (1.800 mq) e il centro Self di Fiume Veneto di 5.000 mq.

LA METODOLOGIA DELL’INDAGINE

Per fotografare il commercio moderno specializzato nel bricolage e nel giardinaggio operante in Italia, abbiamo selezionato le insegne della GDS (Grande Distribuzione Specializzata) e i Gruppi d’Acquisto (cioè i Consorzi).
Le superfici espositive indicate sono relative alle aree destinate alla vendita: sono quindi esclusi i parcheggi, gli uffici e i magazzini.
Tutti i dati sono forniti dalle stesse insegne ed elaborate dall’autore, che conduce ininterrottamente questo monitoraggio
dal 1988.


Nella foto di apertura: è il negozio di Palermo Mondello di Leroy Merlin, inaugurato il 9 giugno, il negozio più grande aperto nel primo semestre 2011: 8.500 mq capaci di ospitare fino a 48.000 referenze e “animati” da 100 addetti alla vendita.