Accedi oppure registrati

News » JCB in soccorso della Cina colpita dal terremoto

JCB in soccorso della Cina colpita dal terremoto

Condividi Segnala a un amico 20 May 2008
JCB ha donato una flotta di terne del valore di 600.000 dollari e inviato una squadra di operatori per contribuire alle operazioni di soccorso nell'area sud-occidentale della Cina, devastata da un terremoto
La donazione delle sei terne 3CX è stata decisa dal Sir Anthony Bamford, presidente di JCB, non appena si è preso coscienza della gravità delle devastazioni provocate dal sisma. Le macchine, destinate alle aree terremotate della provincia di Sichuan, sono già partite dallo stabilimento JCB di Shanghai, dove l'azienda produce terne, specialmente per il mercato cinese.
JCB China ha anche inviato sei operatori, fra cui il suo dipendente inglese, Joe Cook, di 30 anni, che lavora per la società a Shanghai in qualità di responsabile per la promozione prodotti. Joe, di origine inglese, si è offerto spontaneamente per partire alla volta delle zone devastate dal terremoto, insieme a cinque colleghi cinesi. Tutti quanti sono esperti nella formazione degli operatori e rimarranno a Chengdu, la capitale della provincia di Sichuan, per addestrare gli operatori locali all’uso delle macchine, al fine di sfruttarne appieno la loro versatilità.
Quattro di queste macchine sono state assegnate al Dipartimento di Ingegneria della Polizia militare cinese e al Corpo di Ingegneria dell'Esercito Popolare di Liberazione.
“Chiunque, guardando in televisione le terribili scene di devastazione, non poteva rimanere insensibile alle richieste d'aiuto delle persone colpite da questa immane tragedia - ha spiegato Sir Anthony Bamford -. Spero che, seppur in piccola parte, la donazione delle terne da parte di JCB, possa aiutare le migliaia di persone che sono rimaste intrappolate nelle macerie e che hanno perso la casa a seguito del sisma”.
Questa iniziativa fa seguito ad una serie di altre donazioni di macchine JCB, avvenute negli scorsi anni a favore di altre parti del mondo colpite da disastri naturali, compreso lo Tsunami dell'area asiatica.
“Le donazioni delle macchine JCB - ha aggiunto Sir Bamford - si sono dimostrate preziose negli scorsi anni per le operazioni nelle zone colpite da disastri naturali. In particolare, esse hanno avuto un ruolo di primo piano nelle operazioni di soccorso nell'India meridionale, in Sri Lanka e Indonesia in seguito allo Tsunami asiatico. Produciamo macchine che sono ideali per agevolare le operazioni di recupero e desideriamo fornire il nostro contributo per alleviare le sofferenze ovunque sia possibile”.


JCB leader di mercato e di beneficienza
JCB, terzo costruttore al mondo di macchine da costruzione e leader in Europa, ha molti precedenti nell’assistenza a favore delle zone di tutto il mondo colpite da disastri naturali.
Nel 2004 la società ha donato macchine per un valore superiore al milione di sterline alle aree colpite dallo Tsunami in Asia, dove le macchine JCB sono state impiegate nell’India meridionale, in Sri Lanka e Indonesia.
Nel 1999 JCB ha fornito il proprio aiuto in occasione del disastroso terremoto che ha colpito la Turchia e nel 2005 JCB si è unita al programma di assistenza globale delle zone terremotate in India e Pakistan, donando macchine per un valore complessivo superiore alle 500.000 sterline.
Nel novembre dello scorso anno, ha donato una terna per favorire le operazioni di ricostruzione nelle zone del Perù interessate da un terremoto che uccise 650 persone, ferendone 1.000 e distruggendo le abitazioni di circa 30.000 persone. Nello stesso anno, JCB ha donato macchine per un valore complessivo di 100.000 sterline per contribuire alle operazioni di recupero di una regione delle Filippine devastata da un tifone.