Accedi oppure registrati

News » Tecnologie per il legno: primo trimestre stabile

Tecnologie per il legno: primo trimestre stabile

Condividi Segnala a un amico 17 June 2013

Tag:

Dall’indagine trimestrale curata dall’Ufficio studi Acimall, il primo trimestre 2013 per le tecnologie per il legno e i suoi derivati Made in Italy appare sostanzialmente stabileSe il risultato si può considerare positivo dato il contesto generale, va però evidenziata nello specifico una contrazione degli ordini del 2,7% rispetto al gennaio-marzo 2012, a cui concorrono il decremento del 2,8% degli ordini dall’estero e del 2,4% dal mercato interno. Il carnet ordini rimane attorno ai due mesi; dall’inizio dell’anno l’aumento dei prezzi è stimato attorno allo 0,4%. In leggero calo il fatturato: -0,7% rispetto allo stesso trimestre 2012. Approfondendo l’indagine qualitativa relativa al periodo gennaio-marzo, risulta che il 19% degli intervistati ha indicato un trend della produzione positivo, il 35% parla di stabilità, il 46% dichiara una produzione in calo. Secondo il 73% del campione l’occupazione è stazionaria, in diminuzione per il 23% e in aumento per il 4%. Le giacenze risultano stabili nel 54% dei casi, in diminuzione nel 31 e in crescita nel rimanente 15. Uno sguardo alle previsioni: pochi operatori hanno fiducia nel mercato italiano e confidano in misura sempre maggiore sull’estero. In particolare, il 38% degli intervistati prevede una ulteriore crescita, il 58% è convinto che gli ordini dall’estero rimarranno stazionari e solo il 3% ritiene che diminuiranno (il saldo positivo è pari a 36). Il mercato interno segnerà un nuovo calo per il 42% del campione, sarà stabile per il 54% e solo il 4% si sente di credere in una ripresa degli ordini nel breve periodo (il saldo è a meno 38). L’indice della fiducia delle imprese, costruito attraverso la serie storica dei saldi delle indagini previsionali dal 2003 ad oggi, rivela un incremento deciso delle attese da oltre confine, mentre per quanto riguarda il mercato domestico il pessimismo è da considerare “strutturale”.