Accedi oppure registrati

Analisi » Spazio all’ordine in ogni angolo

Spazio all’ordine in ogni angolo

Condividi Segnala a un amico 08 July 2008
Solidi, belli e costruiti con materiali eco-compatibili: la tecnologia accelera i processi produttivi a vantaggio del rapporto qualità/prezzo. I contenitori, forniti smontati, evitano i principali problemi di stoccaggio.

Funzionali e pratici, così devono essere quei contenitori in cui è possibile raccogliere un po’ di tutto per organizzare qualunque spazio abitativo.
Un contenitore portatutto non è solo il “luogo” dove nascondere oggetti che sarebbero sparsi, ma è anche un bel oggetto d’arredamento che vivacizza l’ambiente e contemporaneamente permette di sapere che cosa è stato inserito, grazie alla trasparenza, senza aprirlo o rovesciarlo. E chi vuole occupare in modo intelligente lo spazio inutilizzato, può adoperare quei contenitori pensati per essere nascosti sotto i letti di casa. Le pratiche ruote consentono in molti modelli di spostare senza fatica questi contenitori per una diversa collocazione.

Materiali, modelli e nuove idee


Il mercato richiede questi articoli in plastica (PP - PE - PEVA - PVC), ma negli ultimi 3-4 anni, ci hanno spiegato da Ordinett by Plastic Art, sono stati proposti anche contenitori realizzati con materiali nuovi ed ecologici quali cartone riciclato, bambù, salice, paglia, paperloom, seagrass, canvass e t.n.t. Un esempio nella collezione Ordinett è la linea Natura Bins prodotta in tessuto ricavato, con uno speciale processo di fabbricazione, dal riciclo delle bottiglie in PET; “rispetto ai contenitori in plastica questi nuovi materiali superano la percentuale di vendita del 50%”, dichiarano dall’azienda.
Gio’ Style ci spiega alcune tecniche di produzione, dallo stampaggio per iniezione (tradizionale, assistita da gas, co-iniezione, sovrastampaggio), all’impiego della tecnologia blow-injection moulding e blow-moulding.
Ma che cosa richiede il mercato? Prodotti polifunzionali, in cui la tecnologia ha portato a risultati di solidità e sicurezza, senza scendere a compromessi con l’estetica, l’ergonomia e l’attenzione per i dettagli. Le trasparenze sono sempre un aspetto caratterizzante dei contenitori portatutto, cui si abbinano colori e decorazioni attuali, ma anche modelli su licenza (Warner Bros – Disney ecc.).
Le proposte nei cataloghi sono tutte accattivanti. Nella collezione Kis Home 2008 di Abm Italia si trovano i T Box, contenitori trasparenti multifunzionali, dotati di coperchio, con capacità dalla XS alla XXL, mentre i Miobox di Art Plast, in polipropilene copolimero e random, si distinguono per i maniglioni integrati che ne facilitano la movimentazione e due robuste chiusure a scatto “salvaunghie”.
Nella linea Funny Box di Dem è proprio la cura dei particolari che differenzia questi contenitori impilabili anche fra misure differenti: il primo dettaglio sono le ruote estraibili per facilitare il trasporto, il secondo, uno scomparto porta profumi, perché sono l'ideale per riporre gli indumenti al cambio di stagione. La scelta del polipropilene, poi, assicura oltre alla trasparenza dell’articolo, la morbidezza che evita le rotture.
Innovazione e design, ma sempre all’insegna della massima funzionalità, guidano le scelte dell’azienda Gio’ Style. Subito riconoscibili, i suoi articoli si presentano sempre nuovi pur rimanendo prodotti di massa.
Anche passando ai modelli tipo cassettiera con ruote, quindi pratici per gli eventuali spostamenti, esistono modelli per ogni necessità, dove la linearità stilistica si abbina a vivaci cromatismi per creare complementi d’arredo spiritosi. Orgoglio di Stefanplast è la cassettiera Libera pensata proprio per organizzare razionalmente gli spazi e ”liberare dallo stress della ricerca dell’oggetto perduto”.


La produzione: benefici dall’impiego della tecnologia


Anche se apparentemente la tecnologia non sembrerebbe così predominante in questo comparto, in realtà le aziende affermano che gli sviluppi compiuti nella costruzione degli stampi a iniezione, insieme all’attenzione dedicata alla fase di progettazione del prodotto, offrono importanti benefici al prodotto finito soprattutto sotto l’aspetto dell’ergonomia, della solidità e della stabilità del prodotto senza che questi elementi vadano a scapito di dettagli estetici quali la trasparenza o la fotoincisione. Contemporaneamente, si è registrato un miglioramento sensibile nella prestazione qualità/prezzo con notevole aumento dell’efficienza produttiva.
La robotizzazione sulle presse, per esempio, ha permesso di proporre articoli con design sempre più sofisticati e con caratteristiche di solidità e sicurezza garantite.

Stoccaggio sul punto vendita: non è un problema


Le collezioni sono tutte accattivanti per forme e colori, ma quello che più conta è che, pur presentati smontati, questi articoli sono molto semplici da assemblare e ne conseguono dei vantaggi immediati anche per il punto vendita, sottolineano da Abm Italia: “il primo è quello di risparmiare molto spazio nell’esposizione grazie all’impilabilità dell’articolo, in secondo luogo quello di essere un prodotto accattivante perché di facile comprensione”.
E in fatto di ottimizzazione degli spazi, l’esempio di Plastic Art è piuttosto emblematico. Con K&W Magic Wood, l’azienda presenta una serie di contenitori pieghevoli in materiale seagrass, che si distingue per il semplice montaggio, senza attrezzi né viti, e il materiale altamente ecologico.
Molto semplice è la proposta di Dem: la consegna al punto vendita avviene con i prodotti impilati e i coperchi a parte, così da recuperare spazio.
Di grande vantaggio per il punto vendita è poter contare su una logistica aziendale capillare, che favorisce una logica del flusso continuo senza però oberare i magazzini locali. Naturalmente, la possibilità di impilare gli articoli consente di risparmiare spazio sia sullo scaffale sia su paletta.
Anche l’imballo fa la differenza. In Art Plast viene concepito in modo tale che il prodotto possa essere immagazzinato e trasportato facilmente. Inoltre il materiale deve avere caratteristiche di robustezza e resistenza a fattori climatici che potrebbero danneggiare il prodotto. Una buona grafica permette infine di fornire le principali informazioni all’acquirente e catturare la sua attenzione. Di grande impatto sono le cosiddette confezioni “parlanti” che, esposte direttamente sui punti vendita, presentano tutte le caratteristiche dell’articolo.

Come va il mercato?


C’è ottimismo nel comparto. Lo testimoniano le dichiarazioni che abbiamo raccolto: “Riteniamo che il mercato abbia ancora potenzialità malgrado le offerte per questo segmento si siano moltiplicate negli ultimi anni” affermano in Art Plast. Certamente è necessario investire in ricerca per presentare articoli innovativi, ma anche validi e utili a chi acquista, oltre che adatti per essere proposti a mercati sempre più esigenti o di nicchia; al rivenditore si devono garantire quei servizi indispensabili, come puntualità nelle consegne ed efficienza nel rispondere a ogni sorta di richiesta e/o problema che può sorgere.
Per capire meglio l’andamento del mercato è interessante prendere in considerazione ciò che è emerso dalle ricerche condotte nel corso dell'ultimo anno da Gio’ Style. Se vengono eliminate le variabili ingovernabili quali possono essere le dinamiche dei prezzi, la scarsa capacità di potere d'acquisto, l'incertezza politica, per citarne alcune, in realtà “le dinamiche comportamentali dei consumatori che si "affacciano" ai mass market subiscono variazioni lente, quasi impercettibili” dichiarano dall’azienda. Appare infatti che il consumatore attribuisce un peso sempre maggiore alla marca, fermo restando la soddisfazione di alcuni pre-requisiti fondamentali (qualità, usability, prezzo ecc...). Di conseguenza, i marchi riconosciuti sono quelli che più ne beneficiano e le prospettive sono decisamente rosee.
Volendo invece basarsi su quelli che sono gli strumenti più utilizzati per valutare l’andamento di un comparto, ecco che vengono considerati i dati macro economici di ogni Paese, le informazioni commerciali di ogni mercato, ottenute e monitorate in tempo reale, rilevati i prezzi dei prodotti nelle diverse nazioni e in tutte le insegne. Con questi strumenti, Plastic Art ha tratto alcune considerazioni sul breve/medio termine: prima di tutto le crescenti difficoltà dei rivenditori non altamente specializzati e inoltre la stagnazione della GDO per il 2008 con crescita contenuta nel 2009 e l’incremento dei volumi negli hard discount.


Panni sporchi al loro posto![titolo]
“Riordinare significa saper organizzare lo spazio in modo funzionale senza penalizzare l’estetica dell’ambiente”. Con questa affermazione, Stefanplast propone Primavera, una linea di portabiancheria che oggi si possono definire un complemento d’arredo, con i suoi colori vivi e il suo ricercato design. Disponibile nella versione chiusa o traforata, in diverse misure e tonalità per offrire sempre al consumatore la più ampia scelta, questo portabiancheria è costruito in materiale plastico resistente e dotato di rifiniture particolarmente curate, così da apparire totalmente liscio al tatto.



Raccolta differenziata: qualche proposta[titolo]
Nel mondo dei contenitori è giusto annoverare anche quelli per la raccolta dei rifiuti, un’esigenza che acquisisce sempre più peso.
Un esempio è Big di Ics, il contenitore da 80 litri con ruote e pedali integrati per la raccolta dei rifiuti domestici, che amplia la linea di prodotti per la casa Tata, e con il contenitore Recycling completa la proposta di articoli per la raccolta differenziata. In Ics si è condotto uno studio per la realizzazione di questi articoli con l’intento di rispondere a quesiti precisi: il contenitore deve arrivare al punto di vendita singolarmente, pronto per essere utilizzato dal consumatore finale, il quale deve percepire che l’articolo è robusto sia per la forma sia per la finitura superficiale; l’articolo deve avere un design accattivante e piacevole e dimensioni adeguate per ottimizzare l’imballo e i relativi costi di trasporto. Inoltre il contenitore deve inserirsi in ambienti diversi, dalle aree aperte agli ambienti interni, sia domestici, professionali o per le collettività.
Altra proposta arriva da Saturno Casa con Multibox P1040, un contenitore completamente realizzato in materiale eco-compatibile, collocabile in tutti gli ambienti, compreso l’esterno essendo antimuffa. E per la raccolta differenziata una soluzione ideale sono le Ecoborse, sempre più richieste per la massiccia campagna di sensibilizzazione al problema della raccolta dei rifiuti urbani. “La sensibilizzazione al problema dello smaltimento dei rifiuti – dichiarano in azienda - è sicuramente un elemento di forte impatto, destinato a crescere a breve termine. Il pubblico viene così stimolato ad acquistare dei contenitori che siano, nel contempo, adatti allo scopo, di aspetto gradevole e non inquinanti”.
Per Saturno Casa, infine, l’attenzione al punto vendita e le problematiche del rivenditore sono in primo piano. Per questo motivo, fornisce gli articoli smontati e confezionati in modo tale da salvaguardarne l’integrità sia durante il trasporto sia nello stoccaggio. Inoltre, lo spazio occupato in magazzino è ridotto, rispetto ai quantitativi, grazie alla possibilità di appiattire i prodotti.