Accedi oppure registrati

Interviste » Vianello, ferramenta da tre generazioni

Vianello, ferramenta da tre generazioni

Condividi Segnala a un amico 27 February 2014

Tag:

La presentazione del nuovo catalogo 2014 è l'occasione per fare un punto sul mercato con Piero Vianello, titolare dell'omonimo grossista pescarese, presente sul mercato da oltre 80 anni e membro di CDF insieme a Machieraldo e Ferrari. Un “libro” di 1.000 pagine per presentare ala clientela l'assortimento dell'azienda, a partire dalle tante novità del nuovo anno. E' il catalogo 2014 di Vianello, grossista con sede a Pescara, che combatte la crisi con mirati investimenti per soddisfare i propri clienti. Abbiamo incontrato il titolare Piero Vianello, che ci ha raccontato le ultime “mosse” dell'azienda abruzzese.
 
Mondo Pratico: Partiamo dalla prima inevitabile considerazione: la grave situazione economico-finanziaria stenta a mollare il colpo. Il mondo della ferramenta all'ingrosso come sta reagendo?
Piero Vianello: La crisi che attanaglia ormai da anni l’economia italiana non accenna a regredire e, nonostante gli sforzi, il calo dei consumi comincia a farsi sentire anche nel nostro settore. Il vantaggio del nostro comparto è che vendiamo molti materiali di consumo ma, purtroppo, quando le tasche del consumatore si svuotano, si genera un effetto domino che mette in difficoltà tutta la filiera. Mi riferisco ovviamente al problema delle riscossioni, problema che si va aggravando con il passare del tempo e che costringe noi grossisti a “fare da banca” ai clienti.
 
Mondo Pratico: Ma una ricetta per questa crisi c'è o dobbiamo continuare ad assistere impotenti ai suoi effetti?
Piero Vianello: La soluzione “sarebbe” in verità semplice, basterebbe che le imprese che lavorano con il pubblico venissero finalmente pagate e che le buste paga dei dipendenti fossero alleggerite del mostruoso carico fiscale che le rende insufficienti a generare consumi: insomma, ripristinare la liquidità che il nostro Stato ci sta sottraendo, ma bisognerebbe farlo davvero, senza continuare a prendere in giro il popolo italiano. Io mi sento estremamente ottimista per il nostro futuro perché so che noi italiani in qualche modo ce la caviamo sempre, ma il pericolo che troppa gente si scoraggi comincia ad essere grande, quindi qualche segnale positivo “vero” avrebbe un effetto benefico enorme sulla nostra economia.
 
Mondo Pratico: Vianello è in questo settore da quasi 80 anni: come si muove un'azienda con questo importante know how nel mercato e quali sono le frecce al suo arco?
Piero Vianello: Per quanto riguarda la famiglia Vianello, da tre generazioni viviamo di ferramenta ed è questo il nostro mestiere e ciò che vogliamo continuare a fare, con l’impegno e la soddisfazione di sempre. Per questo, dopo attente riflessioni tra noi ed i nostri collaboratori, dopo un anno di ristrutturazione interna organizzativa, ma anche di revisione dell’assortimento, abbiamo fatto la scelta più giusta e naturale possibile: siamo finalmente pronti con il nuovo catalogo generale edizione 2014, con nuova grafica e nuovo assortimento, un “libro” di circa 1.000 pagine che ci racconta e ci descrive al meglio.
 
Mondo Pratico: Quali sono le merceologie su cui avete puntato maggiormente nell'ultimo periodo?
Piero Vianello: Siamo orgogliosi di presentare ai nostri clienti l’allargamento del nostro assortimento, in special modo di elettroutensili, ma anche di ferramenta, di materiale elettrico e, soprattutto, la gamma di recinzioni profondamente rivisitata ed ampliata.
 
Mondo Pratico: Alla luce dell'evoluzione negli anni della gd e delle attuali difficoltà del mercato tradizionale, qual è il futuro del canale ingrosso ferramenta in Italia?
Piero Vianello: Da tanto tempo si discute sul destino del canale ingrosso di ferramenta, sono sempre in tanti coloro che ci danno per “spacciati”, ma noi siamo ottimisti, crediamo profondamente in quello che facciamo, e siamo convinti che sì, la grande distribuzione rappresenta un pericolo per il canale tradizionale, ma rappresenta anche un’opportunità, perché a nostro avviso il negozio tradizionale pur soffrendo ha tutte le possibilità di vendere, perché sono negozi a gestione familiare, perché spesso sono ubicati in zone lontane dai grandi centri e quindi lontani dai negozi di GD, perché loro hanno una professionalità e conoscenza dei prodotti che è ineguagliabile. Ovviamente non si può e non si deve tralasciare questo canale, diciamo solo che sono due cose differenti, anche gli assortimenti sono complementari ma non uguali, insomma con serietà ed attenzione c’è posto per tutti.
 
Mondo Pratico: La forza vendita è il fondamentale trait d'union tra grossista e cliente: in che modo Vianello è vicino a venditori e negozianti?
Piero Vianello: Stiamo incrementando il numero di incontri con la nostra forza vendita, incontri sempre più “tecnici” che, con il fondamentale aiuto dei nostri fornitori, sta trasformando sempre più i venditori di Vianello in “tecnici della ferramenta”. Stiamo poi pensando al ritorno dei nostri open house, che tanta soddisfazione ci hanno sempre dato in termini soprattutto di conoscenza e di “avvicinamento” alla clientela, una vera occasione che ci ha sempre consentito di far “toccare con mano” i nostri prodotti, quelli che noi selezioniamo ed importiamo insieme ai nostri amici del gruppo CDF di cui facciamo parte.
 
Mondo Pratico: L'anno scorso, quando avevo partecipato a uno degli incontri del vostro gruppo alla presenza anche degli altri soci Machieraldo e Ferrari, mi aveva colpito il clima d'amicizia e di fiducia reciproca...
Piero Vianello: Machieraldo e Ferrari sono amici e partner che non smetterò mai di ringraziare per la loro amicizia, collaborazione e passione per il nostro mestiere. Ebbene sì, in questo ci sentiamo davvero fortunati, l’opportunità di poter lavorare con persone che vivono le loro aziende e il gruppo CDF esattamente come facciamo noi, è una cosa senza dubbio unica.