Accedi oppure registrati

News » Indicod-Ecr lancia la modernizzazione

Indicod-Ecr lancia la modernizzazione

Condividi Segnala a un amico 02 February 2009
E' questa la "parola d'ordine" che si è sentita forte nel tradizionale convegno annuale di Indicod-Ecr, ormai diventato un appuntamento fondamentale per le imprese del largo consumo italiane.
Il 28 gennaio a Milano, sotto il titolo "Oltre la crisi: modernizzare il Paese. Il Controbuto del largo consumo". si sono incontrati più di 500 imprenditori e manager dell'industria e della distribuzione insieme a importanti esponenti delle istituzione e della stampa.

"QUALE MODERNITA' PER IL PAESE": LO STUDIO DI ISPO


Il convegno è stato l’occasione per dibattere sul tema della modernizzazione del Paese nell’attuale contesto di crisi economica globale e sulle possibili vie proposte dal mondo del largo consumo per innovare e dare nuovi stimoli di sviluppo al sistema. Durante il convegno sono stati inoltre presentati i risultati dell’indagine “Quale modernità per il Paese?” realizzata da Ispo per Indicod-Ecr con l’obiettivo di analizzare le percezioni degli italiani sul futuro del Paese e della sua modernizzazione.
“La congiuntura mondiale manifesta forti tensioni e incertezze. Proprio in queste condizioni è vitale per un Paese moderno trovare nuove vie per innovare e recuperare competitività a beneficio di imprese e cittadini” ha sottolineato Giuseppe Brambilla Di Civesio, presidente di Indicod-Ecr e amministratore delegato del Gruppo Carrefour Italia, nel suo intervento di apertura. “Una crisi sentita profondamente anche dalle imprese del largo consumo, intervistate in occasione dell’VIII edizione del nostro Osservatorio economico: dalla rilevazione emerge una significativa discesa del clima di fiducia che da 82,1 (dato del 1° semestre 2008) scende a 72,3 (il dato più basso degli ultimi quattro anni), accompagnata da una riduzione del giro d’affari di circa due punti percentuali. Le aspettative per il prossimo futuro, pur rimanendo negative sul clima di fiducia generale (76,7), mostrano una visione più ottimistica relativamente alla tenuta del business del proprio settore (92,2). Guardare al di là della crisi è oggi un passo di grande coraggio, che deve spingere il Paese e le imprese ad innovarsi. L’innovazione rappresenta un elemento fondamentale per la modernità di un Paese: anche l’89% delle imprese del largo consumo coinvolte nella ricerca lo ha riconosciuto. Il 2009 rappresenta per tutti un anno di forte impegno, dove Indicod-Ecr sarà al fianco delle imprese per implementare le soluzioni e i servizi che possono aumentare la loro competitività e farle andare incontro alla modernizzazione”.

“La crisi accentua l’esigenza di innovare e di eliminare tutto ciò che genera inefficienza” ha continuato Bruno Aceto, direttore generale di Indicod-Ecr. “Ci sono grandi opportunità di miglioramento da cogliere nelle soluzioni Indicod-Ecr, per ridurre i costi della filiera e per migliorare lo scambio di informazioni e merci. E l’impatto sull’efficienza del sistema e del Paese sarà davvero significativo. Basti pensare che il largo consumo in Italia, rappresentato quasi totalmente dalle 34.000 imprese nostre utenti, sviluppa il 5,3% del Pil, impiega 1.140.000 persone e conta 35.000 punti vendita, per intuire quale grande valore per il sistema possa generare ogni inefficienza rimossa e ogni risparmio raggiunto. Solo per lo scambio e l’allineamento delle informazioni sui prodotti tra imprese industriali e distributive, il costo per processare un errore varia dai 15 ai 50 euro; oltre ad eliminarlo, l’adozione di un sistema condiviso per la sincronizzazione dei dati come il Catalogo elettronico di Indicod-Ecr può generare grandi benefici: ad esempio, una riduzione del 7% del tempo nella gestione amministrativa e un abbattimento del 4% dei fuori stock. Sono numeri che fanno capire quanto sia importante che le imprese adottino l’innovazione che Indicod-Ecr crea per loro”. Bruno Aceto ha inoltre presentato Indicod-Ecr Servizi, “una nuova società di servizi - ha detto - che ci permetterà di andare ancora di più incontro alle aziende e offrire un aiuto concreto all’adozione delle nostre soluzioni”.

Gli Italiani ritengono che la chiave della modernità stia nell’innovazione. Renato Mannheimer, presidente dell’Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione, ha presentato i risultati della ricerca “Quale modernità per il Paese?” realizzata per Indicod-Ecr, dai quali emerge che il concetto di “modernità” viene associato prevalentemente a “tecnologia” e “progresso” (secondo il 70% circa degli intervistati). L’Italia è vista come un Paese solo potenzialmente moderno, che non sfrutta a pieno le sue capacità (solo il 38% degli intervistati identifica l’Italia come moderna o abbastanza moderna). Un ruolo importante nella spinta al cambiamento e alla modernizzazione viene riconosciuto alle imprese (oltre il 70% degli intervistati lo condivide). Agli occhi degli Italiani, il sistema del largo consumo ha, invece, un livello di modernità più elevato rispetto a quello generale del Paese: il 67% riconosce la Gdo come moderna o abbastanza moderna e il 46% fa lo stesso con le imprese di produzione.

Jacques Attali, presidente di PlaNet Finance e scrittore, ha espresso il suo punto di vista sulla crisi in atto e sul futuro dell’economia mondiale ed europea, mettendo in evidenza l’esigenza di far rispettare le regole di disciplina dei mercati finanziari e la necessità di un intervento statale a supporto solo di quelle società orientate alla competitività e all’innovazione.

Alla domanda se sia possibile uscire dalla crisi guadagnando in modernizzazione ha risposto Francesco Daveri, professore di Politica Economica dell’Università degli Studi di Parma, sottolineando come serva l’impegno di tutti, Stato, imprese e famiglie, nel “fare i compiti a casa” anche durante la crisi: perché oltre alle riforme promosse dei governi per ridare fiducia a famiglie e imprese, sono fondamentali le iniziative individuali di imprese e famiglie che affrontano il mondo globale tutti i giorni e stanno già modernizzando il Paese.

Miguel A. Lopera, presidente & CEO di GS1, è intervenuto al convegno presentando una interessante panoramica delle soluzioni e degli standard GS1 per l’efficienza delle filiere come, ad esempio, il nuovo GS1 DataBar, un codice a barre più piccolo ma in grado di codificare, in uno spazio estremamente ridotto, un maggior numero di informazioni.

Alla tavola rotonda finale hanno partecipato: Pierluigi Bernasconi, amministratore delegato di Mediamarket, Valerio Di Natale, presidente e amministratore delegato di Kraft Foods, Aldo Sutter, amministratore delegato e direttore generale del Gruppo Sutter, Vincenzo Tassinari, presidente e amministratore delegato di Coop Italia, oltre che di Jacques Attali.

Per maggiori informazioni: Tendenze on line, il web magazine di Indicod-Ecr.
Per vedere l'intervento di Attali, consigliamo di visitare l'ottima GDO WEEK TV.
Clicca qui per vedere l'analisi di Ispo " Quale modernità per il paese".
Le altre relazioni sono nel sito di Indicod.