Accedi oppure registrati

Analisi » Macchine per il verde: non sfugge un filo d’erba

Macchine per il verde: non sfugge un filo d’erba

Condividi Segnala a un amico 15 November 2007

Tag:

Il mercato del garden sta bene: con una crescita costante dal 2000 ad oggi, e incrementi percentuali anche molto sensibili per alcune tipologie di macchine.
I dati presentati da Unacoma evidenziano che negli ultimi cinque anni il mercato delle macchine per il giardinaggio in Italia è cresciuto del 25%, raggiungendo nel 2006 la quota complessiva di 1.450.000 unità.
Secondo Massimo Goldoni, presidente Unacoma “la forte crescita di vendite per le principali tipologie di macchine avutasi nella prima frazione dell’anno può essere messa in relazione con l’anticipo della stagione primaverile, che ha portato a fioriture precoci e a un’accelerazione complessiva del ciclo vegetativo delle piante. A fine anno le percentuali di crescita per le principali tipologie di macchine dovrebbero risultare più contenute, ma comunque significative: +4,4% per i rasaerba, pari a quasi 423.000 macchine vendute, +1,8% per i decespugliatori pari a 258.700 unità”.
Qual è allora la sfida che attende le nostre imprese? Intanto si punta a stanziare investimenti, anche importanti, per l’innovazione dei prodotti, con l’obiettivo di conservare il vantaggio nei confronti della concorrenza estera sul piano dell’efficienza, affidabilità e sicurezza dei mezzi.
L’eco-compatibilità diventa un argomento di studio, cui si affianca l’applicazione dell’elettronica e della robotica per agevolare nei lavori più difficili, ad esempio negli spazi disagevoli.
E il cliente che cosa richiede? Finché la cura del giardino non verrà percepita come un piacere, l’utilizzatore desidera impiegare il minor tempo possibile e poter gestire la macchina con facilità e a costi contenuti.
Il ruolo del rivenditore diventa da un lato quello di indirizzare all’acquisto migliore per l’esigenza, fornire informazioni e consigli, in una parola un servizio che prevede necessariamente una preparazione specifica.

Decespugliatori, tagliasiepi e rasaerba al vostro servizio


“Al di là della facilità d’avviamento del motore - spiegano in Stihl - i criteri di confronto tra modelli sono da sempre l’ampiezza di taglio e la praticità di carico/scarico piuttosto che la sicurezza e la tecnologia adottata. Infatti, per valutare la validità di un tosaerba, è entrata nell’uso l’erronea equazione “più pesante” uguale “più professionale”.
Vediamo quindi, tra novità e articoli consolidati, che cosa propongono le aziende.
In occasione di Expogreen, Ama ha presentato la sua ultima novità: il Multicutter, una macchina studiata appositamente per l’hobbista. Dotata di grande versatilità e di semplice utilizzo, permette di eseguire una molteplicità di operazioni di taglio con un solo attrezzo. Tramite un comodo e facile sistema di innesto, infatti, si possono ottenere: un decespugliatore, un tagliasiepi con lama di 60cm a doppio taglio orientabile da -30° a +90° e un potatore con barra di taglio da 30cm, prontamente orientabile fino a 75° in 5 posizioni.
Le motorizzazioni in dotazione partono da un leggero 2 tempi da 26cc fino ad arrivare a un potente 2 tempi da 33cc, per soddisfare ogni esigenza della clientela. La macchina, completamente Made in Italy, rispetta le normative vigenti CE e va a integrare la vasta gamma di prodotti dedicati alla cura del verde.
Nel catalogo Ferritalia troviamo tutte e tre le tipologie; in particolare si segnala il decespugliatore SXD 35 N, un modello professionale di produzione giapponese, con motore Kawasaki TH 34 DX, 2 tempi, 33,3 cc - 1,03kW. Tra gli accessori sono disponibili, oltre a candele, lame in acciaio e testine a filo, anche visiere di protezione, elmetti e cuffie antirumore.
Tre le fasce di prodotti con cui si presenta Metabo: la classe superiore, la classe media e quella standard.
Nella prima si trovano i modelli HS 8655, HS 8665, HS 8675 che dispongono di funzionalità e brevetti molto innovativi. Analizziamoli da vicino, partendo da Metabo Quick, un innovativo sistema di aggancio della lama al corpo macchina, che permette il cambio rapido di quest’ultima senza alcun utensile e quindi di incrementare notevolmente la produttività e la facilità d’uso. A questo si aggiunge la nuova impugnatura, che grazie al design e al secondo interruttore posto nella parte posteriore del tagliasiepi, consente di aumentare del 50% l’altezza nei tagli alti. Si evita così l’utilizzo di scale e trabattelli, a tutto vantaggio della sicurezza e della velocità di esecuzione. Inoltre, la giunzione dell’impugnatura al corpo macchina permette all’apparecchio di lavorare con maggior stabilità.
Le nuove lame con dentatura con doppia affilatura al diamante permettono di ottenere alte prestazioni per lunghi periodi di tempo, mentre il coperchio per il cambio del cavo consente all’operatore di effettuare in autonomia le operazioni di manutenzione più semplici e in totale sicurezza.
Si conclude con il coperchio per cambio rapido carboncini: anche in questo caso la manutenzione ordinaria può essere fatta dall’operatore, riducendo in modo sensibile i tempi di fermo macchina.
La filosofia di Metabo è quella di fornire la soluzione completa, quindi sul catalogo generale sono disponibili anche gli accessori, dalle lame ai carboncini fino all’olio lubrificante ecc.
Facilità d’uso è la parola d’ordine per tutti gli elettroutensili da giardino Bosch, che nel caso dei tagliasiepi AHS 6000 Pro-T e AHS 7000 Pro-T è data dall’elevata ergonomia dell’impugnatura, così da lavorare con sicurezza e facilità anche sopra la testa e in punti difficilmente raggiungibili. In questo contesto si rivela anche vantaggioso disporre di una lunga lama. Un altro grande vantaggio deriva dall’utilizzo di un innovativo accessorio: il Collecto, realizzato in materiale plastico leggero ma robusto, che può essere fissato direttamente alle lame dell’utensile con tre piccole viti. Esso raccoglie, in caso di tagli orizzontali, i rami appena tagliati, impedendo che essi ricadano all’interno della siepe, dove rimarrebbero incastrati e marcirebbero. In questo modo, la siepe si mantiene sana e la sua ricrescita non viene compromessa.
Per la stagione 2008 si allarga la gamma di rasaerba Snapper, distribuiti da Fiaba. Sette i nuovi modelli tra cui scegliere, ad esempio, il modello ERDS 19700 HW con avviamento facilitato Readystart. Semovente, con variatore di velocità, monta motore Briggs&Stratton 700 Serie DOV, offre una larghezza di taglio da 48cm con altezza regolabile su 9 posizioni a leva centralizzata. È equipaggiato con una speciale lama multiuso 3 in 1 Double Wave (raccolta, mulching e scarico posteriore). L’azienda ha un catalogo specifico (Foresta Giardino) dedicato agli accessori: filo decespugliatore, testine e dischi per decespugliatori, olio per motori, tondini, candele sono facilmente rintracciabili. È in continua evoluzione e quindi è arricchito di articoli.
Rivolgersi a manutentori e professionisti del verde con prodotti di alta qualità è la scelta di Stihl che persegue la “strategia premium”. Esempio è che all’interno della gamma di rasaerba sono compresi anche articoli particolarmente potenti come la MB 858 e la serie 7. Per quanto riguarda l’assistenza offerta dalla rete di vendita si ricorda che l’azienda garantisce ricambi originali (motoristica compresa) anche dopo dieci anni dall’acquisto.
Estrema agilità è garantita a chi utilizza il rasaerba elettrico “Slalom” 38 E di Gardena Italia, che si distingue con volante di guida e braccio unico, per tagliare l’erba con estrema agilità. Tra le caratteristiche si evidenzia: larghezza di taglio 38cm, regolazione centralizzata dell’altezza di taglio su 5 livelli da 20 a 70mm, cestello raccoglierba con capacità di circa 38 l, peso 18,4kg.
Nei nuovi prodotti presentati da Sandrigarden sono impiegate le tecniche moderne dallo stampaggio della scocca alla verniciatura al montaggio in catena con gli opportuni controlli qualitativi; inoltre sono certificati secondo le norme CE e TÜV riguardanti le emissioni di fumi e rumore.
Numerosa la scelta, tra cui i nuovi tosaerba da 54cm di taglio in lamiera semoventi presenti sia nella linea Sandrigarden sia nella linea Britech: nella prima vi sono SG 56 C SP, SG 56 C B SP con ruote posteriori maggiorate da diametro 280; nella seconda BT 56 C B SP con ruote posteriori maggiorate e BT 56 C B SP SM co ruote posteriori maggiorate e con funzioni mulcher.
Tra le particolarità ricordiamo le 5 posizioni di taglio da 3 a 10,5cm, la capacità del sacco da 70 litri e la dotazione di motori B&S – Honda. Disponibili i diversi accessori, come il sacco e telaio per rasaerba e rocchetti, testine e bobine per tagliabordi e decespugliatori.
Un’equipe di 32 persone tra ingegneri e software-house sviluppano le intuizioni in casa Zucchetti Centro Sistemi. Si inizia con la progettazione, cui segue prototipizzazione e infine, l’immissione sul mercato.
L’ultima novità presentata per la stagione 2008 è la nuova Linea 300 progettata con l'obiettivo di rendere i robot sempre più performanti. Il modello Basic apre questa nuova linea con una dotazione di serie molto ampia e innovativa. Le novità inserite sono molto importanti. La tecnologia BlueTooth permette al Robot di essere controllato e programmato direttamente da un telefono cellulare o palmare wireless (senza necessità di connessioni via cavo).
Sono stati introdotti motori di taglio e trazione più potenti che sono più adeguati alle sue prestazioni e che garantiscono una copertura di prato rasato di 3500-5000m². Questo modello ha in dotazione una lama di taglio di 36cm di diametro. Il robot ha in dotazione il sistema di allarme che può essere inserito tramite la tastiera, oltre all'inserimento della normale password di attivazione e riconoscimento. La funzione modulazione "Smart” permette al robot di stabilizzare la velocità della lama di taglio in base allo sforzo che incontra durante la rasatura diminuendo il consumo, la rumorosità e
permettendo in questo modo di aumentare la superficie di copertura nei confronti degli altri modelli. Grazie al sistema di sicurezza lama "Proximity" ci si può avvicinare al robot senza pericolo: il sensore arresta la lama nel momento in cui l'utente afferra l'impugnatura per il sollevamento.

Passi avanti con la tecnologia


In molte aziende si svolgono studi e ricerche in base alle necessità espresse dagli utilizzatori per assicurare tutta la qualità tipica del Made in Italy e il rispetto di tutte le normative CE vigenti.
È grazie ai brevetti innovativi che Metabo offre risposte concrete, così da permettere di ottenere elevate prestazioni dai suoi tagliasiepi. La tecnologia è presente soprattutto nelle innovazioni che portano ad avere livelli molto alti di sicurezza per l’operatore, come il blocco immediato della lama, pari a 0,05 secondi dal rilascio dell’interruttore.
“Quando si parla di rasaerba, decespugliatori e tagliasiepi l’argomento tecnologia occupa un ruolo molto importante, sia dal punto di vista progettuale sia costruttivo” dichiarano in Fiaba che distribuisce Snapper, Orec, Ferris, Shibaura, Fuji Robin, Billy Goat, Westwood. “Gli ingegneri che quotidianamente affrontano questo argomento fanno tesoro di esperienze del passato e, analizzando le richieste dell’attuale mercato riescono, grazie alle più sofisticate tecnologie, a introdurre nel mercato macchine che sempre più soddisfano le necessità del futuro”.
Nello specifico, i prodotti distribuiti da Ferritalia hanno i seguenti elementi tecnologici: la motorizzazione Kawasaki, la coppia conica di alta qualità, l’accensione elettronica, il dispositivo antivibrante su motore e impugnatura, il dispositivo di sganciamento rapido della tracolla.

Garanzie per prodotti sicuri


In base alla legge queste macchine hanno una garanzia di due anni, ma per quelle destinate a un utente professionale Ama offre un anno. In casa Metabo la qualità è da anni identificata con la garanzia Metabo XXL, che gratuitamente estende a ogni utensile elettrico il termine di garanzia a tre anni. L’azienda inoltre sviluppa i propri prodotti in ottemperanza ai parametri più restrittivi delle normative comunitarie, come ad esempio in materia di sicurezza (arresto lama entro 0,05 sec.) e in linea con le norme CE EN 50144; 98/37EG; 89/336/EWG; 200/14/EG.
I prodotti Viking nel catalogo Stihl sono allineati alla normativa UE sia in termini di emissioni sia di vibrazioni e rumorosità. Hanno sistemi di bloccaggio automatico della lama studiati per ridurre la pericolosità della macchina, garantendo l’incolumità di tutti i tipi di utilizzatori.
Il marchio CE apposto su tutti gli apparecchi è garanzia di sicurezza.
Anche per i distributori come Fiaba l’attenzione in tal senso è ai massimi livelli, così da proporre al mercato esclusivamente articoli che soddisfino con ampio margine le normative presenti (rumorosità, emissioni allo scarico, vibrazioni).

Grandi prestazioni, semplicità d’uso


Se il professionista come l’hobbista si avvalgono di queste macchine, è necessario che siano assicurate determinate garanzie. Partendo dal principio che le necessità variano a seconda dell’impiego e della frequenza d’uso, è vero che affidabilità e sicurezza del prodotto sono i punti cardine di ogni linea indipendentemente dal segmento di utenza.
Coloro che utilizzano un apparecchio ogni giorno hanno aspettative di alto livello, al contrario un hobbista ricerca un articolo principalmente semplice e maneggevole, in cui possa trovare il giusto rapporto tra la qualità e il prezzo.
Prestazioni e semplicità d’uso sono quindi i criteri che guidano al momento della scelta e a tal proposito Metabo ha sviluppato dei brevetti come il sistema Quick e il cambio rapido dei carboncini, per rispondere a queste due esigenze.
Entrambe le categorie cercano quindi nella fascia di prodotti di loro competenza, le migliori prestazioni, la massima tecnologia e la facilità d’uso; una scelta basata solo sul prezzo potrebbe indurre anche i più esperti a errori di valutazione. “Spesso, infatti, ci si dimentica di considerare il tempo che si perde per la manutenzione legata a guasti e al rischio di un’esigua durata di una macchina economica” avvertono da Stihl.

Tutto si decide sul luogo d’acquisto


La rivendita tradizionale, come anche il garden center specializzato, sono i luoghi di vendita privilegiati. Succede talvolta, infatti, che l’utilizzatore hobbista acquisti nella grande distribuzione quasi d’impulso; scoperto però in seguito che l’affidabilità della macchina risulta inferiore alle aspettative, comprende che necessita di un rasaerba di altro livello e quindi decide di rivolgersi allo specialista.
È, infatti, il rivenditore che beneficia dei corsi d’aggiornamento e della formazione tecnica e commerciale specifica proposta dalle aziende costruttrici o distributrici. Bosch offre sistemi di presentazione dei prodotti per il punto vendita, materiale POS, dimostrazioni dei prodotti effettuate con personale interno e servizi di merchandising. Fiaba parla di “cultura di vendita del rivenditore” e lo dimostra concretamente organizzando campagne pubblicitarie specifiche, meeting aziendali, stage tecnici e demo-tour itineranti per l’Italia mostrando sul campo l’efficienza dei prodotti.
Come giustamente osservano in Stihl “assieme al tosaerba il cliente acquista un servizio e una garanzia di affidabilità”. Per questo motivo si cura sia il pre sia il post vendita, tanto che, per assicurare l’efficienza del servizio di garanzia del secondo, Ama opera con un progetto “Centri Assistenza Tecnica”.
Un incoraggiamento a migliorare la presentazione e dimostrazione sia visiva sia in campo viene da Zucchetti, che propone ai rivenditori corsi di aggiornamento interni alla società, durante il periodo invernale, così da risolvere qualsiasi tipo di problematica.

Alcuni dati sui rasaerba


Concludiamo questa panoramica di settore con alcuni dati di fonte Morgan riferiti al 2006 e inerenti il comparto rasaerba.
Per quanto riguarda l’alimentazione, la bilancia pesa più dalla parte dei modelli con motore a scoppio: 25,11% a spinta, 28,38% semoventi, che significa in totale 53,49%. Una leggera prevalenza dell’alimentazione a scoppio era evidente già in passato, e tale rimane, pur con variazioni di qualche punto percentuale.
Un dato da tenere d’occhio, però, è quello che riguarda i modelli alimentati a batteria, anche se numericamente sono una piccola parte del mercato totale. Nel 2005 erano lo 0,02% del totale, nel 2006 sono passati allo 0,16%: una linea di tendenza da non sottovalutare.
I rasaerba elettrici hanno in prevalenza (71,19%) larghezze di taglio inferiori ai 36 cm, mentre quelli con il motore a scoppio, specie se semoventi, hanno diametri delle lame maggiori. Per la precisione, nei modelli a spinta la fascia più venduta (42,46%) ha diametro inferiore a 42cm, mentre in quelli semoventi le preferenze sono ripartite tra l’ampiezza 46-50cm (49,88%) e 51-55cm (40,17%).
Poche novità rispetto all’anno scorso anche a proposito del tipo di scocca: continua a dominare l’abs-termoplastica (49,21%), seguito dalla lamiera (40,32%) e, distante, l’alluminio (10,46%), che a causa del prezzo maggiore viene di norma impiegato sui modelli di fascia alta.
In tema di vendite per aree geografiche, lo squilibrio tra il nord e il resto della penisola permane e diventa ancora più netto. Questa la situazione: nord 63% (+2,1%), centro 23,5% (-0,4%) e sud (-1,7%).
Infine uno sguardo ai canali di vendita: gli specialisti sono arroccati sul 46,5%, la GD li tallona al 37,8%, le ferramenta difendono il loro 14,5%, mentre i garden center restano al 1,2%.